Emergenza strade a Corigliano-Rossano, vertice in Provincia

    Si è tenuta presso la sede del Governo provinciale di Cosenza un vertice, convocato dall’assessore al Bilancio Antonio Russo, per trovare una soluzione rapida all’emergenza viabilità lungo le strade di collegamento da e per il centro storico di Rossano interessate dall’alluvione del 2015 e rimaste prive di manutenzione.

    Provinciale 188, presto un tavolo tecnico con Regione e Protezione civile

    L’emergenza viabilità lungo la strada provinciale 188 di Rossano è una questione la cui risoluzione deve essere attuata attraverso un piano interforze tra Provincia, Regione e Protezione civile. Le criticità, infatti, non riguardano solo il tratto, oggi interessato da by-pass, della galleria Sant’Antonio. C’è da ripristinare la sede stradale tra il Centro storico e lo Scalo e da risanare il costone roccioso di Pantasima. Insomma, è una summa di problemi, aggravatisi con l’alluvione del 2015, che interessano l’incolumità pubblica, atteso che quella strada è la principale via d’accesso alla Città alta.

    Comune Unico Corigliano Rossano: si ricostruisce, stando con i piedi per terra!

    Ovvero: il rebus de il vecchio e il nuovo! Chi e’ il male peggiore?
    Due comunità reali come quelle di Corigliano e Rossano meritano di più, hanno bisogno di ben altro per rilanciare, dare forza e prospettive certe al loro futuro prossimo: Prima di tutto un periodo di silenzio, di riflessione benedettina, una fase di meditazione che possibilmente si incammina verso un viale dove il dogma sia la parola riappacificazione e dove le parole che si dicono, dopo averle pesate, soppesate, sciacquate del loro significato, 

    Ieri in tutta la nostra Regione sono ricominciate le scuole


    Le mamme di contrada Torricella Superiore non hanno però potuto postare le foto dei loro figli al loro primo giorno di scuola ma hanno pubblicato una foto allarmante che ritrae le condizioni in cui versa il fossato che costeggia la SS 106 in prossimità del centro abitato, un canale in cui le acque dovrebbero scorrere senza impedimenti, ma non è così. 

    Tempo di Guerra: eleganti pantaloni con la tela della sacca...mortuaria


    (Pubblicato dal quotidiano “il Giornale” del 18 settembre 2018)

    Nel Febbraio del 1944,il mare di Schiavonea,borgo di pescatori di CorIgliano Calabro,rigettò il cadavere di un pilota americano il cui aereo era precipitato nel golfo di Taranto. I pietosi resti di quel corpo,già in fase di iniziata decomposizione, furono portati al cimitero del capoluogo,in attesa del ritiro,da parte della US ARMY.

    Corigliano Rossano | Famao, l’uomo giusto nel posto giusto

    Non c’è che dire, perché la “Carella eventi” ci ha visto davvero bene, azzeccandoci alla stragrande. Già, merita ogni tipo di complimento l’agenzia d’organizzazione spettacoli coriglianese, davvero. Mettete una sera di fine estate - solo per il calendario perché fa tuttora caldissimo come in luglio e in agosto - metteteci pure che il giorno dopo apre l’anno scolastico e mettete soprattutto i festeggiamenti religiosi in onore

    Ancora sul degrado dell'ex Geometra Zona Gallo d'Oro


    Buongiorno vi scrivo perche' oltre il danno la beffa.Parliamo del palazzo dell'ex Geometra Zona Gallo d'Oro a luglio segnalai a voi, ai vigili a chiunque la situazione pericolosa di eternit e sporcizia in cui versava lo stabile, ma nessuno come al solite si è visto e fa niente.

    Grande partecipazione popolare per la festa di Maria SS. delle Grazie

    Si sono conclusi nella tarda serata di ieri, con i tradizionali e coloratissimi fuochi pirotecnici, i solenni festeggiamenti in onore di Maria SS. delle Grazie, Patrona di Corigliano Scalo. Impeccabile l'organizzazione messa a punto dal parroco, Don Vincenzo Ferraro, e dal Comitato dei fedeli della Parrocchia di via Nazionale inititolata alla Beata Vergine.

    La Calabria ionica ha bisogno di investimenti pubblici e di un rilancio turistico

    La situazione politica creatasi dopo il 4 marzo nella Calabria, ha chiaramente mostrato a tutti la volontà delle nostre popolazioni di uscire da un isolamento storico in cui versa la nostra regione e la zona jonica priva di trasporti sia stradali che ferroviari, e la necessità di invertire una politica statale di chiusura dei servizi essenziali come gli ospedali, la giustizia , l’assistenza. 

    Memorie Coriglianesi: da Mattatoio comunale a Ostello della Gioventù (ma quando?)


     La comunità attende di entrare in possesso del Palazzo del Pendino del 1200.

    Neppure il calar della sera riesce a far venire meno la sua immortale bellezza. Trattasi di uno dei tanti prestigiosi palazzi storici di Corigliano. Lo scorrere inesorabile del tempo non è riuscito a cancellarne tracce e maestosità. Ci riferiamo al Palazzo del Pendino, ai più noto come ex Mattatoio comunale, situato in contrada Bonifacio (difatti popolarmente nota come “strada del Macello”). Intorno al 1220, l’attuale struttura nacque come Convento dell’Ordine Francescano in Calabria.

    Altri articoli...