Disabilità e motori, nuove avventure per il pilota coriglianese Alessandro Chiarelli

E' appena rientrato da Perugia, dove ha conseguito un attestato utile alla sua formazione sportiva per partecipare al campionato italiano in programma in più tappe da metà luglio prossimo. Alessandro Chiarelli, pilota diversamente abile di Corigliano Rossano, s'accinge a perseguire nuove avventure, questa volta sulle due ruote dopo le esaltanti imprese sui go-kart.

Tutto questo grazie alla Onlus “Di.Di. Diversamente Disabili”, nata a gennaio 2013, la prima Associazione in Italia che si è occupata di (ri)avvicinare al mondo delle due ruote i ragazzi disabili che per difficoltà economiche, burocratiche, logistiche e psicologiche non hanno avuto la possibilità di farlo.
Madrina e grande sostenitrice della Onlus è Annalisa Minetti, cantante e atleta paralimpica. Presidente onorario Lucio Cecchinello, Team Manager della LCR in MotoGP.
Presidente della Onlus è il noto e stimato Emiliano Malagoli: nel luglio 2011 ha perso la gamba destra a seguito di un incidente stradale in moto, ma in tempi record è ritornato a correre in pista e ha deciso di voler condividere la sua passione con altri disabili. Nel 2012 al Mugello, durante una gara di Endurance, conosce Chiara Valentini, campionessa europea 2006 nella classe 600cc., rientrata alle corse dopo 4 anni di fermo a seguito di un infortunio.
Dal loro incontro e soprattutto dalla loro esperienza e determinazione, nasce l'Associazione Di.Di., poi diventata Onlus, con l'obiettivo di promuovere verso i giovani disabili l’attività sportiva come elemento di socialità e di recupero realizzando attività varie, tra cui: una Scuola Guida con moto adattate e istruttori con la stessa disabilità degli allievi, che ha riportato in sella più di 200 ragazzi; un Team di piloti “speciali" (ad oggi circa una settantina); il primo e unico campionato al mondo, nazionale (Octo Bridgestone Cup) e internazionale (International Bridgestone Handy Race e Dream World Bridgestone Cup), dedicato a piloti disabili, a cui hanno partecipato nelle varie edizioni proposte più di 140 piloti provenienti da 12 nazioni: Italia, Nuova Zelanda, Australia, Francia, Belgio, Spagna, Finlandia, Colombia, Austria, Repubblica Ceca, Bulgaria e Inghilterra. Dal 2017 il campionato internazionale è approdato nel palcoscenico mondiale della MotoGP, e per il 2018 sarà inserito anche nel campionato mondiale Superbike.
Sport ma non solo. In collaborazione con ACI Roma dal 2014 l'Onlus ha avviato l'Educazione Stradale nelle scuole, incontrando 1.200 ragazzi; e il Progetto Patenti AS, per favorire il reintegro del disabile nella società attraverso la mobilità, rilasciando 45 Patenti A Speciali.
Dal 2017 la Onlus sostiene anche la Mototerapia nei reparti di pediatria oncologica degli ospedali, per portare in corsia regali, un sorriso e le moto da far provare ai piccoli pazienti.
Fabio Pistoia


 

Stampa Email