Emergenza Città di Corigliano Calabro a quasi due anni di commissariamento per infiltrazioni mafiose

La Cgil Pollino Sibaritide Tirreno, ammessa e riconosciuta tra le parti civili nel processo “Santa Tecla”  è fortemente preoccupata per lo stato emergenziale che vive la Città di Corigliano Calabro a quasi due anni dal Commissariamento per lo scioglimento per infiltrazioni mafiose dell’ex giunta di centrodestra, che sono state richieste al Capo dello Stato dal Governo Berlusconi.

E’  bene ricordare a noi stessi  che il decreto di scioglimento è un provvedimento politico amministrativo estremo e che  la Città è commissariata per precise irresponsabilità.

Tutta la Città e il territorio,  non dimentica le ridondanti giornate elettorali nella Città e i comizi di apertura e chiusura del Presidente Scopelliti e della vivacità dell’On.le Dima nella campagna elettorale per annunciare al mondo intero la nascita di una nuova Calabria. 
LEGGI TUTTO {fcomments}{jcomments off}

Stampa Email