Sindaco Stasi il vero “juorno bono” sarà quando rassegnerai le dimissioni

Giusto un anno fà Flavio Stasi veniva eletto sindaco della città di Corigliano-Rossano. E’ stato un anno, secondo me, nel corso del quale Stasi ha dimostrato incapacità amministrativa. Innanzitutto avrebbe dovuto capire che per amministrare un territorio vasto e articolato come quello della città unica, avrebbe dovuto mettere insieme un gruppo di collaboratori con esperienza e conoscenza delle problematiche che affliggono il territorio. Invece ciò non è avvenuto.

Ed ecco che da solo non poteva farcela. Rifiuti, ambiente, acqua, viabilità, macchina comunale sono solo alcuni dei tanti problemi che il sindaco, non solo non è stato in grado di affrontare nella maniera dovuta, ma anzi in diverse circostanze ha finito, con alcune decisioni prese, di aggravarli. La protesta attuata dai cittadini di Cantinella di lunedì scorso è solo la punta di un iceberg ben più vasto costituito da tanto malcontento e amarezza per le promesse fatte dal sindaco in campagna elettorale che poi sono state puntualmente disattese. Cantinella è solo uno dei tanti focolai della protesta popolare che si possono facilmente riscontrare in diverse zone del territorio. Sant’Angelo a Rossano, Schiavonea, Apollinara, San Nico, Ministalla, Centro storico di Corigliano e di Rossano e potrei ancora proseguire. Dopo appena un anno “nu juorno bono” è finito, il feeling che legava la città a Stasi è miseramente tramontato. Io già da un po’ di tempo sto invitando il sindaco di togliere il disturbo. Secondo me i tempi sono maturi affinché questa città torni a votare per avere nuovi amministratori, sicuramente più capaci di quelli attuali. L’invito a Stasi lo faccio da cittadino attento e propositivo, che vuole bene alla città, vada via adesso per evitare che possa arrecare ulteriori e irreparabili danni al nostro territorio. Questo non è il momento delle invettive e del dileggio personale, caro sindaco, questo è il momento della riflessione e di capire che non ci sono più le condizioni affinché si continui a disamministrare la città. Il vero “juorno bono” sarà quello quando deciderai a togliere il disturbo.

Corigliano-Rossano 06.06.2020

Domenico Piattello, già candidato a sindaco e consigliere provinciale


 

Stampa Email