Attenti ai ladri di preferenze (e di libertà)

Se oggi a queste elezioni per il sindaco e il consiglio comunale della città unica (e non solo, poiché mi giungono notizie inquietanti anche da altri comuni a noi vicini) l’elettore voglia votare per chi vuole, deve stare attento, molto attento, perché davanti ai seggi troverà, com’è buona abitudine di tutti i sistemi politico-elettori immaturi se non arretrati, i soliti avvoltoi delle elezioni, che, 

 

 

 

nonostante passino gli anni e l’elettore si emancipi, cercheranno di manipolarne la volontà, facendogli capire, anche con minacce, promesse e insulti verso gli avversari, che le preferenze non sono tutte eguali, per cui bisogna votare per le persone giuste, che poi sono quelle che i manipolatori indicheranno di volta in volta, a seconda delle convenienze, anche personali. LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Stampa Email