Chi rema contro il progetto di ampliamento della SS106?


L’inesperienza, i bollori giovanili dei parlamentari 5 stelle resisteranno alle pressioni ed interessi dei proprietari terrieri ed imprenditori locali?

Premetto che guardavo con interesse al M5S già nel 2006, (tempi non sospetti) quando ebbi i primi contatti telefonici con il Dott. Giovanni Fossati di Genova perché fiducioso “all’epoca” della annunciata rivoluzione politica che il cofondatore del movimento, assieme a Gian Roberto Casaleggio prospettava.

 La mia contrarietà oggi è esclusivamente politica, non ideologica, né personale, è rivolta principalmente alla presunzione ed alla sudditanza a Salvini da parte di quei parlamentari che si oppongono a tutto, anche al progetto d’ampliamento della SS.106 con scuse ridicole, (qualcuno maliziosamente dice: Pilotati da imprenditori agricoli e turistici locali) avanzando che tutto ciò, rientra nelle loro prerogative o dovere come dice il deputato Coriglianese Francesco Forciniti. Fin qui, nulla da obbiettare per carità! Le cose, cari parlamentari 5 stelle diventano oscure, adombrando legittimi sospetti dalla popolazione quando si è venuto a conoscenza del vostro incontro(6 Settembre scorso) alquanto carbonaro, ma suscettibile di pensieri maliziosi presso la direzione generale ANAS di Roma. Se tutto è come dite voi, e non ho dubbi per dubitare della vostra sincerità, fate almeno i nomi e cognomi dei partecipanti, compreso le associazioni sindacali del settore agricolo, tra questi, per quando si dice anche un noto imprenditore agricolo del luogo presente all’incontro. Poi saranno i cittadini, compreso coloro che vi hanno votato a lodare la vostra iniziativa se è rivolta al progresso della fascia ionica. Se al contrario, non è come voi dite, fatevene una ragione e serenamente accettate i possibili giudizi negativi senza infierire in modo scomposto, presuntuoso da professorini in erba come è già successo, non fosse altro (Salvini, vostro alleato, permettendo) che siamo fino ad oggi in democrazia dove ognuno può esprimere liberamente il proprio pensiero. Perchè tanto mistero, tanto interesse ed interessamento non solo da parte vostra su un’opera così vitale che potrebbe aiutare questo pezzo di Calabria ad uscire dall’isolamento e che lo proietterebbe verso quello sviluppo economico atteso da 60 anni e che tutti i governi, compreso la Lega (oggi vostro alleato) hanno disatteso fino ad oggi? Il vostro agire è da prima repubblica, quando i potentati Coriglianesi, per lo più professionisti: Medici e proprietari terrieri pilotavano, condizionavano in modo determinante le decisioni politiche locali, regionali e nazionali. Questo avveniva in tutte le sezioni, (quelle del PSI e della D.C. in particolare) è il caso del tratto della SS.106 che va da Fabrizio a c/da Santa Irene, costellato di curve pericolose per difendere le terre di noti proprietari terrieri Coriglianesi. Stesso criterio, è valso anche per il Guido Compagna, in mano a quei tempi al tristemente famoso trio delle 3C, è valso anche per la Centrale Enel e per il rigassificio da allocare nel porto, che avrebbe portato a Corigliano se qualcuno non si fosse schierato contro per motivi puramente personali o per difendere gli amici un benessere sia in termine economici che occupazionali. Stessa sorte subì la centrale Enel (la storia è risaputa). I nemici della Calabria sono principalmente tutti i deputati e senatori eletti nei territori più svantaggiati: Calabria- Campania- Sicilia, incapaci nelle sedi opportune(Camera dei deputati e Senato) di fare sintesi, di proporsi unitariamente, ognuno parla per se, impegnati più che altro a difendere la poltrona e il lauto stipendio caduto dal cielo ed accattivarsi le simpatie dei capi politici, dei segretari politici per sfruttarli al proprio interesse, non curanti delle esigenze dei propri elettori che li hanno votati ed eletti. Non vorrei che alla fine avesse ragione quel mio amico quando dice che: L’Italia, il meridione, il nostro territorio, sono finiti nelle mani dei cosiddetti “QUATRARIELLI”come volgarmente si dice a Corigliano. Io, al contrario del mio amico, sono ottimista. Poiché il tempo è galantuomo, può darsi che alla fine ci darà ragione. Se poi, non sarà così, Pazienza! C’è ne faremo ancora una volta una ragione! Nel frattempo , assieme agli altri godetevi il “meritato e lauto stipendio” state calmi e non fate altri guai, più che altro per non irritare l’alleato Salvini in eterno conflitto con Di Maio ed il movimento, divenuto(il movimento) oramai un’appendice viscerale al libro paga delle stravaganze giornaliere di Salvini e del centro destra, vanificando le buone intenzioni dei vaf- day di B. Grillo. Occupatevi invece della riduzione degli stipendi netti dei parlamentari, delle loro diarie e privilegi, riduzione dei parlamentari, abolizione del senato, delle province, degli enti inutili, ridimensionamento dei poteri delle regioni e di conseguenza riduzione dei parlamentari regionali, finanziamenti inutili ad enti parassitari ecc. ecc. Vi ricordo che queste riforme sono a costo zero, a differenza del reddito di cittadinanza che vi ha fatto stravincere al Sud (vedi Sicilia) e su cui il movimento si gioca la sua credibilità, per questo le pressioni sul ministro dell’economia TRIA sono prettamente politiche poiché al contrario del vostro capo Di Maio è più attento ai conti perché è ben cosciente che per questa regalia non vi sono coperture finanziarie.

Movimento Centro Storico. Corigliano Calabro: Luzzi Giorgio.  

 

Stampa Email

Commenti   

+2 #2 giusepperendale 2018-09-14 08:21
Ma ci vogliamo rendere conto che la nostra area e' isolata, sottosviluppata, lasciata al suo destino dalla mancanza di viabilita'.
La mancanza di una strada e di una ferrovia veloce blocca il turismo , il commercio ecc. Che aspettiamo, non ci sono interessi privati che tengano, muoviamoci prima che sia troppo tardi ! I nostri e i vostri figli scappano !
Citazione
+4 #1 Zorro j. 2018-09-13 18:12
L'immaturita' dimostrata dagli Onorevoli nel merito non solo è mortificante per la nostra Repubblica, quanto per le tante inesattezze dette nel merito.
Non è il caso di ritornare sul Progetto, non ne vale la pena è parlare agli asini!
Ed allora parliamo di numeri.
Il progetto "vale" 1 miliardo e 340 milioni di €. Il progetto, essendo un appalto integrato è già stato pagato alla Impresa appaltatrice. Se i lavori non dovessero partire si rischia di pagare una PENALE all'impresa di oltre 150 milioni di €. Non solo!!! L'impresa ha già avviato le attività propedeutiche all'inizio dei lavori. Inoltre, forse non tutti sanno ma i media ne parlano da mesi, l'impresa Astaldi che insieme alla Impregilo ha vinto la gara di appalto pare che sia in grosse difficoltà economiche.
Quindi se i lavori non partono perché vengono adesso bloccati alla Impresa vanno riconosciuti i 150 milioni (300 miliardi di lire senza fare nulla) oltre tutte le riserve che espletera' nel merito ai mancati utili, ai fermi temporali e chi più ne ha più ne metta.
Morale!!! L'impresa rischi di appianare i suoi debiti senza il minimo sforzo.
Ma la cosa brutta che l'onorevole di Cosenza tutte queste cose le sa.
Concludo!!!!
A cosa serve l'azione di una forza politica? Senz'altro a dare sollievo, crescita, ricchezza ed operosità ad un territorio.
È se poi la forza politica è locale? A maggior ragione si spenderà per fare in modo che a crescere sia l'intero territorio.
Ma quale è il territorio che potrebbe avere vantaggio dalla nuova S. S. 106?
In coro diremmo tutti la Sibaritide.
Non solo dico io.
Ho letto che tale lavoro chiuderayl'anello definito come "corridoio 2" che unisce l'autostrada A2 alla Autostrada Adriatica per mezzo della nuova S. S. 534 (già ultimata) alla già ammodernata tratta Roseto Taranto.
Se la S. S. 106 non si dovesse fare a rimanere isolata sarebbe solo l'alto Ionio Cosentino, quindi anche la Sibaritide.
Ma chi non vuole la, realizzazione della S. S. 106? Alcuni latifondisti miliardari della nostra area. Latifondisti che si sono arricchiti con i contributi regionali ed europei ed oggi, nonostante lautamente remunerati negli espropri, mettono in atto tentativi per avvalorarsi a discapito di chi? Del popolo.
Ma vi rendete conto cosa si perderebbe solo per la insufficienza di qualche bamboccione? Si perderebbe un indotto immenso. Alberghi, ristoranti, officine meccaniche, lavoratori, imprese. Un disastro. Per che cosa? Perché i 5srelle difendono i soliti ricchi, baroni e potenti per continuare ad affamate i più deboli. I poveri. C'è da vergognarsi. C'è da star male vedere come la bramosia della ignoranza politica, tecnica e di lunghe vedute possa è debba dare adito a tale inutilità. Sarebbe invece stato giusto che i nostri Parlamentari fossero andati si a, Roma ma per chiedere come mai ancira i lavori non sono partiti. Sarebbe stato giusto fare una interrogazione allo stesso loro Ministro per avere assicurazione sulla solidità economica della Impresa Appaltatrice.
Ed invece? Invece salite sui trattori facendo comizi senza ne capo e ne coda. Ma cosa ancor più grave vi arcate a Roma a tirare le parti del potente di turno. Mi auguro che il vostro agire possa essere stato in buona fede certo che vedere politici che difendono, sotto braccio, interesse di latifondisti e non la possibilità di difendere posti di lavoro, progresso e ricchezza del popolo, dispiace. É voi sareste il nuovo?
Citazione

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna