Assalto alla Regione

I politici del malaffare !
Generano caos e appiattimento sociale.
La Democrazia ! Ha perso la sua funzione.
Della Dittatura ! Nemmeno il ricordo.
Gli ignavi ! Giocano, sorridono, trastullandosi,
fluttuando nel loro patire e sottostare,
speranzosi per un privilegio personale.

 Chiusa e dimenticata in un cassetto,
la Democrazia Greca illanguidisce e muore.
I tributi ! un vero incubo sociale.
Gli amministratori dell’inerzia,
con lauti stipendi vengono pagati,
per creare disoccupazione e dissesto.
Sindaci, assessori e consiglieri,
scaricano lo sperpero, le inefficienze,
sulla collettività oppressa e fallimentare.
Il loro motto è : fare cassa per scialacquare.
I pirati organizzano la ciurma per l’arrembaggio
Al governatorato del feudo Calabria.
I sodali ! Presenti in tutte le coalizioni sodalizzate.
Su vecchi stendardi, hanno issato i loro vessilli,
nuovi simboli svolazzano sulle loro bandiere.
Gli accoliti con pranzi e promesse,
mantengono in ostaggio sviluppo e progresso,
ricattando con il bisogno giovani e famiglie.
I politici del malaffare ! Ripropongono il vecchio ritornello :
cambiamento, lavoro, sviluppo, pensione,scuola, sanità.
Da testa dura ed orgoglioso, il Calabrese è :
assopito, indifeso, sottomesso, servile,
al comando di chi detta legge.
Il pirata Balla Balla, se la suona e se la canta,
paga fatture non dovute e s’incazza con la magistratura.
Il bancarottiere Occhio di Lupo,come pirata è molto astuto,
con bramosia guarda la pecora regionale,
meditando come tosarla, mungerla, spolparla e cucinarla.
La corruzione clientelare ! Regna sovrana.
Come pecore al macello, sono guidati dal loro pirata pastorello.
Complimenti a questa giunta regionale,
che oltre ai loro vitalizi,
hanno approvato anche la legge per pignorare,
a chi non paga balzelli e tributi,gli pignorano anche il culo.
La stampa e’ lottizzata, dalle lobby è controllata,
con i loro scribacchini, proteggono questa allegra pirateria.
La CALABRIA !
Inutile è il suo lacrimoso pianto,
terra ricca di speranza e sogni sventurati,
dove gli sfruttati, votano i pirati sfruttatori.

Luigi Visciglia
23 Novembre 2019

Stampa Email