Corigliano e le tradizioni di una volta: aspettando la Befana


Trascorso il Santo Natale, arrivato il nuovo anno, tutti gli occhi, soprattutto dei più piccoli, sono concentrati sull’avvento dell’Epifania poiché, come recita il celebre adagio, “la Befana tutte le feste si porta via”. E così, giova ricordare come, in passato, si attendeva l’arrivo di quest’ultima simpatica ricorrenza, e di farlo con un significativo racconto di Maria Chiaradia, concittadina sensibile alla valorizzazione delle tradizioni locali, già pubblicato sul mensile “VeteraNova”.

“La leggenda racconta che a sira ‘i ra vijilia ‘i ra Bbifanìa s'han’i feri abutteri ‘i mangeri l'animeli, pirchì suli ppi cchilla notta, gli animali parlano e, se non sono sazi, jastìmini ‘u patruni. Si racconta anche che questa stessa notte ‘i caneli cùrrini guoĝĝhi, ma solo per le persone ingenue, che non hanno malizia; ppi cchilla ggenta chi ghè scujiteta, che non ricorda questo miracolo e va a ĝĝhìnĉhiri ‘i vùmmuli senz’aviri ‘ntiziona ca ‘u caneli curra guoĝĝhi. Come tutte le vigilie, anche per quella dell'Epifania, a fine cena non si sparecchia la tavola, pirchì ‘a notta,’a ‘gura ‘i ra chesa vè a mmangeri. E quante notti di vigilia, anche se la paura era tanta, cercavo di rimanere sveglia, per verificare si ‘a ‘guricella ‘i ra chesa jiva a mmangeri veramente; tremavo ad ogni piccolo rumore che sentivo, trattenevo il fiato e attendevo, ma poi la paura e la stanchezza avevano il sopravvento e mi addormentavo con la speranza che l'anno successivo avrei visto quant'era bbella ‘a ‘gura ‘i ra chesa nnoštra. Un altro rito affascinante è quello delle novene; la notte della vigila dell'Epifania, prima di addormentarsi, dopo aver recitato tre Padre Nostro e tre Ave Maria,’i ggiuvinelli šchetti sussurravano:
Stasira ghè ra sira ‘i ra Bbifanìa
‘nzuonni mi vena ra furtuna mia.
Mi vena ‘nzuonni e nu’ mmi fè spagneri,
mi vena ddicia ‘u numi ‘i chini m’heji piĝĝhieri spuseri.
E in questa notte di miracoli se qualcuno voleva sapere come sarebbe stato il suo destino recitava:
Stasira ghè ra sira ‘i ra Bbifanija
‘nzuonni mi vena ra furtuna mia.
Mi vena ‘nzuonni e nu’ mmi fè spagneri,
mi vena ddicia cumi ghè ra sciorta mia.
Si ghè bbona: vigna carricheta e ttavula pareta,
si ghè mmalamenta jumi currenti e spini pungenti.
E ancora, quando si voleva augurare qualcosa di grande ad una persona cara, le si diceva: Chi vo viniri cumi ‘a primi ‘i l'anni”.

Fabio Pistoia
 

Stampa Email