Blitz dei Carabinieri in Piazzetta Portofino: attività sanzionata per circa 13mila euro

Contrasto al fenomeno del lavoro irregolare, alla vendita e alla somministrazione di bevande alcoliche ai minorenni, allo spaccio di sostanze stupefacenti, nonché alla circolazione stradale priva del rispetto delle più elementari norme a tutela della propria e dell’altrui incolumunità. 

È stato un altro sabato sera all’insegna dell’intensa attività, o meglio della domenica notte poiché conclusosi solo alle prime luci dell’alba odierna, quello condotto dai Carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro agli ordini del Capitano Cesare Calascibetta per garantire sicurezza e legalità sull’intero territorio di competenza.
Il Capitano Calascibetta ed i suoi uomini, con le consuete doti di dinamismo e professionalità, hanno infatti proseguito, unitamente al Nucleo Ispettorato del Lavoro dei Carabinieri, la serie di accurati controlli presso uno dei luoghi-simbolo della movida giovanile, ossia la “storica” Piazzetta Portofino del borgo marinaro e turistico di Schiavonea. Due, in particolare, le attività commerciali sottoposte ai suddetti controlli, entrambi della tipologia bar-pub.
Una di queste attività è stata trovata completamente in regola sotto tutti i punti di vista; l’altra, invece, con la totalità dei lavoratori in nero e, pertanto, nei confronti del titolare della stessa sono state comminate sanzioni amministrative per un totale di 12.800 euro, nonché assunto provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale che potrà essere interrotto previa pagamento di una provvigionale. Contestualmente, i Carabinieri hanno proseguito la loro costante ed attenta opera di monitoraggio e contrasto alla vendita e somministrazione di bevande alcoliche ai minorenni; difatti, sempre in quest’ultimo bar, i militari hanno sorpreso due ragazzi di minore età intenti a consumare alcolici, facendo così scattare una sanzione di circa 500 euro cadauna (poiché trattasi di ragazzi minorenni ma di età maggiore ai 16 anni) e la segnalazione della medesima attività alla Prefettura.
L’attenzione dei militari si è successivamente focalizzata sulla movida notturna in prossimità dei numerosi locali situati sul territorio coriglianese, mediante posti di blocco e controllo dei guidatori soprattutto per ciò che concerne l’eventuale assunzione di sostanze alcoliche o stupefacenti. A tal proposito, vi è un dato positivo da evidenziare: nessun guidatore sottoposto a test per accertare l’eventuale guida in stato di ebbrezza ha dato esito positivo, un fatto che denota un’acquisita sensibilità e maturità da parte di molti giovani a seguito della ferrea attività posta in essere anche sotto questo frangente dai militari dell’Arma coriglianese.
Per ciò che concerne la circolazione stradale, invece, il bilancio dei controlli è di ben tre ciclomotori fermati e sottoposti a fermo amministrativo con contestuale affidamento alla Depositeria giudiziaria, poiché i rispettivi conducenti, tutti relativamente sanzionati, sono stati trovati senza aver mai conseguito la patente di guida oppure senza copertura assicurativa o anche, come in un caso, col proprio mezzo privo di targa.
Prosegue senza sosta, pertanto, la brillante opera messa in campo dalla Compagnia dei Carabinieri di Corigliano Calabro su impulso del Capitano Cesare Calascibetta per far sì che il divertimento e la spensieratezza estiva possano svolgersi nel migliore dei modi, ossia all’insegna del rispetto delle regole e nell’interesse dei giovani, delle famiglie, della comunità intera. Una preziosa presenza e un monitoraggio capillare per il quale si esprime gratitudine ai militari e vicinanza e sostegno agli stessi da parte della cittadinanza.
Fabio Pistoia
 

Stampa Email