• Home

Dopo 11 anni padre Lorenzo Fortugno lascia Schiavonea

Con l’avvento del mese di agosto, ritornano come di consuetudine, presso il borgo marinaro di Schiavonea, le caratteristiche quanto attese e partecipate Celebrazioni religiose e civili in onore di Maria Santissima ad Nives. Quest’anno, tuttavia, le iniziative all’uopo organizzate andranno a rivestire un valore particolare, insolito quanto suggestivo, poiché sanciranno le ultime che si svolgeranno alla presenza, e sotto l’attento e scrupoloso coordinamento, di padre Lorenzo Fortugno, stimato e benvoluto parroco della chiesa-santuario di Schiavonea.

Padre Lorenzo, infatti, dopo un periodo di permanenza presso il centro marinaro e turistico del comune di Corigliano Rossano durato ben 11 anni consecutivi, s’accinge a lasciare la locale comunità di fedeli che ha guidato con rettitudine e diligenza, stabilendo da subito un profondo rapporto d’affetto e famigliarità con tutti i residenti. La Provincia religiosa ha chiamato padre Lorenzo in quel di Francavilla Fontana, dove il nostro pastore di anime avrà il compito di essere il Superiore di quella comunità. Padre Lorenzo, lo ricordiamo, appartiene alla Congregazione del Santissimo Redentore-Missionari Redentoristi fondati da S. Alfonso Maria de' Liguori nel 1732.
Ci vorrebbe un fiume d’inchiostro e tante e tante pagine per annoverare tutte le iniziative realizzate da padre Lorenzo e dalla comunità parrocchiale di Schiavonea in questi 11 anni, sempre improntate alla fede e alla socializzazione nell’ottica di una missione civile alla quale la Chiesa è chiamata nella sua preziosa quanto impegnativa quotidiana opera. Su tutte, ci piace ricordare il concreto aiuto apportato nei confronti degli indigenti, l’accoglienza agli immigrati, l’istituzione della Mensa dei poveri.
E così, il prossimo 10 agosto padre Lorenzo saluterà la sua comunità parrocchiale. Sarà certamente un momento di grande commozione e partecipazione, un momento che rimarrà per sempre vivido nelle menti e nei cuori della splendida gente di Schiavonea.
Fabio Pistoia


 

Stampa Email