Parrucchiere coriglianese cade in una buca e si sloga una caviglia


“Può un’Amministrazione comunale, seppur “straordinaria”, assistere in modo impassibile alla decadenza del territorio, e nella fattispecie al degrado che avvolge il settore della viabilità innanzitutto e vigente in quasi tutte le zone dello stesso? Non è possibile continuare ad accettare una simile situazione, chi di competenza deve intervenire al più presto”. È questo l’accorato appello che proviene dalla popolosa frazione di Apollinara, appello che ha il sapore dell’amarezza e della vibrante protesta.

Al centro della pubblica denuncia, difatti, vi è lo stato di salute, a dir comatoso, nel quale versano le arterie stradali della contrada, ove risiedono numerose famiglie. Giorno dopo giorno, a causa delle buche, o meglio dei crateri, che imperversano sul tracciato stradale, si registrano notevoli danni alle automobili nonché all’incolumità degli stessi pedoni.
Nelle ultime ore si è verificato l’ennesimo “incidente” ascrivibile proprio alle buche. Un giovane parrucchiere coriglianese, poco più che ventenne e residente in quel di Apollinara, è accidentalmente caduto in una di queste voragini ormai ovunque disseminate, slogandosi la caviglia e riportando quindi serie conseguenze per lo svolgimento della sua attività in questi giorni.
“Nessun intervento di manutenzione – affermano da Apollinara – né, tantomeno, un minimo segnale d’attenzione in questa direzione. Nulla di nulla. Le strade sono impraticabili e costituiscono un vero e proprio pericolo, sia per i pedoni che per gli automobilisti. Aspettiamo forse che accada qualcosa di ben più grave? Auspichiamo pertanto adeguati e immediati interventi da parte del Commissario straordinario e dei preposti Uffici comunali affinché si metta la parola fine a tali indecorose strade groviera”.
Fabio Pistoia

Stampa Email