IIS "Luigi Palma"

Istituto Tecnico Economico e Tecnologico - Liceo Scientifico a Indirizzo Sportivo

 

Iscrizioni per l’anno

scolastico 2019/2020
 

LE ISCRIZIONI SONO APERTE, DALLE 8.00 DEL 7 GENNAIO ALLE 20.00 DEL 31 GENNAIO 2019. IN QUESTO PERIODO, SARÀ POSSIBILE COMPLETARE LA DOCUMENTAZIONE ONLINE

GUARDA IL VIDEO SPOT

 

Autista coriglianese muore durante viaggio in pellegrinaggio

La comunità di Corigliano Rossano è sgomenta e attonita per la prematura quanto tragica morte di Federico Ritacco, di 63 anni, conosciuto e stimato autista di bus, professionista del settore con decenni di esperienza e tanta cordialità profusa con tutti. L'uomo ha perso la vita improvvisamente, a causa di un infarto fatale, nella mattinata odierna, presso la stazione di servizio "Alfaterna ovest", in direzione Salerno. 

Insieme al fratello, l'autista coriglianese si trovava alla guida del mezzo che stava accompagnando numerosi concittadini in un viaggio di pellegrinaggio organizzato presso il Santuario di Pompei e le luminarie di Salerno.

Il gruppo, costituito da ben tre pullman, era partito questa mattina presto, intorno alle ore 5.00, dall'area urbana di Corigliano. Secondo le testimonianze di alcuni passeggeri, che hanno vissuto un'esperienza a dir poco traumatica, tutto è proceduto nella norma fino all'ora di pranzo; dopo la visita al Santuario di Pompei, il gruppo si è ricomposto per raggiungere Salerno, ma Federico non si sentiva bene e, da professionista qual era, al fine di evitare qualsiasi rischio per l'incolumità dei passeggeri, ha chiesto all'altro conducente di guidare il mezzo. Poco dopo, l'uomo ha altresì chiesto di fermarsi presso la suddetta stazione di servizio, per accasciarsi al suolo in pochi istanti.
A nulla sono valsi i soccorsi prestati da passeggeri, personale della stazione di servizio, medici e infermieri dell'ambulanza frattanto intervenuta. Federico se n'è andato così, sotto lo sguardo del fratello e di tutti quei concittadini che lo apprezzavano per la sua competenza, la sua simpatia, la sua solarità, virtù conosicute grazie alla sua lunga esperienza maturata nel campo, soprattutto nell'ambito di gite e pellegrinaggi. Sul posto sono intervenute anche le forze dell'ordine, tra la comprensibile disperazione dei presenti.
Corigliano oggi piange un uomo perbene, onesto e semplice, morto mentre svolgeva il suo amato lavoro. Anche in questo caso, nel suo ultimo viaggio, Federico ha dimostrato grande senso di responsabilità, premura ed attenzione verso coloro i quali stava accompagnando in quella che avrebbe dovuta essere una giornata di festa.

Fabio Pistoia

Stampa Email