• Home

 IIS "Luigi Palma"

Istituto Tecnico Economico e Tecnologico - Liceo Scientifico a Indirizzo Sportivo

 

Iscrizioni per l’anno

scolastico 2019/2020
 

LE ISCRIZIONI SONO APERTE, DALLE 8.00 DEL 7 GENNAIO ALLE 20.00 DEL 31 GENNAIO 2019. IN QUESTO PERIODO, SARÀ POSSIBILE COMPLETARE LA DOCUMENTAZIONE ONLINE

GUARDA IL VIDEO SPOT

 

Pellicole hard a Corigliano Rossano, al via un’intera settimana di casting


Trovano conferma, a distanza di qualche settimana, le indiscrezioni pubblicate circa l’imminente produzione di una serie di film del genere “porno” anche in Calabria, e precisamente nel comune di Corigliano Rossano. Come s’evince da alcuni siti “di settore”, i casting si terranno per l’intera prossima settimana in loco e v’è anche un indirizzo di posta elettronica (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.), predisposto dall’azienda che cura la realizzazione e la promozione delle pellicole in questione, tramite il quale proporsi in nome di una garantita riservatezza.

Dalla prima decade del corrente mese d’ottobre, lo ricordiamo, alcuni ragazzi coriglianesi, naturalmente maggiorenni e quindi per legge consenzienti, avrebbero risposto ad un annuncio di offerta lavoro, pubblicato da una casa di produzione cinematografica italiana su taluni portali quotidianamente consultati da migliaia di persone, soprattutto di giovane età, in cerca della prima o dell’ennesima occupazione. Un “lavoro” ben retribuito, frutto della selezione di ragazze e ragazzi disponibili a cimentarsi, seppure solo per qualche giorno, nelle vesti di attrici e attori per pellicole hard da immettere sul fiorente mercato della grande distribuzione internazionale. Un settore, questo dei film a luci rosse, destinato a non conoscere crisi, anzi in continua espansione. Perché evidentemente, come da regola vigente in ogni campo e in ciascun luogo, laddove c’è l’offerta significa che la domanda c’è. Eccome se c’è.
Gli emuli in salsa coriglianese del “re” del porno per eccellenza, Rocco Siffredi, sarebbero poco più che ventenni, alcuni dei quali studenti universitari e anche insospettabili lavoratori, attratti dalla paga assicurata. D’altronde, sarebbe stato loro garantito, come sovente avviene in simili situazioni dietro esplicita richiesta, anche l’ottemperamento di alcune particolari condizioni: ad esempio, la non riconoscibilità della loro identità con stratagemmi e riprese effettuate con i crismi dell’oculatezza.
Così ampio l’interessamento ed il numero di adesioni tanto da spingere la medesima azienda (specializzata nella produzione e nella diffusione di pellicole per tutti i gusti - etero, bisex, gay, ecc. - e con sede in una grande città del Sud Italia) a decidere di utilizzare come set dei filmini proprio taluni riservati locali situati nella Piana di Sibari. Nella prossima settimana, quindi, via ai casting, e chissà che anche qui non spunti qualche novello Rocco Siffredi.

Fabio Pistoia
 

Stampa Email