Corigliano Rossano, alluvione 2015: indagato di disastro pure un esponente M5S

Non solo politici “di vecchio conio” tra i 195 indagati della maxinchiesta giudiziaria Flumen luto (dal latino, Fiume di fango) cui il procuratore di Castrovillari Eugenio Facciolla fece prendere le mosse all’indomani della drammatica alluvione del 12 agosto 2015 a Corigliano Rossano, solo e soltanto per caso fortuito non tragica, vale a dire senza perdita di vite umane. Già, perché c'è pure il “nuovo che avanza” tra gli odierni accusati di concorso nel disastro ambientale colposo, l’evento del 12 agosto 2015 appunto

 

 

 

 

causato dalle condotte illecite riconducibili ai reati che Facciolla ed il suo sostituto Valentina Draetta contestano a vario titolo a ciascuno degl’indagati. LEGGI ARTICOLO COMPLETO


 

Stampa Email

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna