Forza posto di blocco,Giovanni Chiaradia viene arrestato dopo rocambolesto inseguimento

Aveva addosso una pistola carica con colpo in canna
CORIGLIANO CALABRO - Nella tarda serata di ieri i militari della Compagnia Carabinieri di Corigliano Calabro hanno tratto in arresto un italiano per i reati di resistenza a pubblico ufficiale e porto abusivo di arma clandestina. 
Nello specifico i militari dell’Aliquota Radiomobile di Corigliano mentre svolgevano un posto di controllo nella centralissima via Nazionale di questo centro, notavano una BMW sospetta giungere ad alta velocità.

 Procedevano, quindi, ad intimare l’Alt con la paletta segnaletica, ma questa, anziché arrestare la propria corsa, accelerava ancor di più forzando il posto di controllo. Iniziava quindi un rocambolesco inseguimento, che si svolgeva per le centrali vie dello Scalo, mettendo a rischio, a più riprese, l’incolumità di pedoni ed altri automobilisti.

 Grazie all’esperienza e alla conoscenza del territorio da parte dei militari della Compagnia ausonica, questi riuscivano a “chiudere” l’auto in fuga all’interno di una via senza uscita. A questo punto il guidatore abbandonava l’autovettura e proseguiva la fuga a piedi. Pochi minuti dopo i Carabinieri, anch’essi scesi dalla vettura di servizio per inseguire a piedi il fuggitivo, bloccavano lo stesso, riuscendo ad immobilizzarlo dopo una breve colluttazione. Si procedeva a sottoporre l’uomo ad immediata perquisizione ed a questo punto si faceva l’inattesa scoperta: veniva trovata una pistola semiautomatica calibro 7,65 nascosta nella tasca dei pantaloni. L’arma risultava avere la matricola abrasa e contenere un caricatore con sei cartucce nel serbatoio, più un proiettile già inserito in camera di cartuccia, pronta per sparare. Ulteriore ispezione del veicolo permetteva di rinvenire delle forbici, verosimilmente intrise di sostanza stupefacente e diverso denaro in contante. Tutto il materiale veniva sottoposto a sequestro penale. L’arma, inoltre, verrà inviata al R.I.S. dei Carabinieri per accertare se sia stata utilizzata in altri delitti o se abbia sparato recentemente.
L’uomo veniva identificato in CHIARADIA Giovanni, classe 1967, pluripregiudicato del posto, noto alle Forze dell’Ordine per essere stato coinvolto in diverse indagini per reati di natura associativa svolte nella sibaritide, tra cui l’Operazione “Corinan” del 2013, in cui fu arrestato insieme ad altri per associazione di tipo mafioso, traffico di droga ed estorsione.
L’arrestato veniva tradotto presso la Casa Circondariale del comprensorio in attesa di convalida dell’A.G., d’intesa con la Procura della Repubblica di Castrovillari, coordinata dal Dott. Eugenio Facciolla.  

 

Stampa Email

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna