Incontro finalizzato ad elaborare strategie comuni per la risoluzione dell’emergenza relativa al fiume Crati

In qualità di Parroco delle comunità di Apollinara e Thurio (di Corigliano-Rossano), invito le SS.VV. ad un incontro urgente presso la comunità di Thurio (in chiesa) per giorno 25 febbraio c.m. alle ore 17:00, ad un mese esatto dall’ultima esondazione, per discutere dei problemi inerenti la situazione del fiume Crati, a voi già noti. 

L’invito che vi giunge non è mio personale, ma scrivo e agisco per il bene collettivo, come parroco di una piccola comunità che ad oggi vive costantemente nella paura, soprattutto alla luce dell’ultima esondazione. Mi rivolgo a voi perché desidero chiedere la Vostra collaborazione al fine di cercare strategie comuni e celeri, che possano concretamente portare ad una soluzione definitiva del problema che riguarda il bacino del Crati. Scrivo a tutti i responsabili di Enti interessati, perché il problema è comune, anche se alla fine i danni e le conseguenze si riversano sulle famiglie dell’ultimo tratto di territorio attraversato, ossia proprio quelle della mia Parrocchia. Auspico un’attiva partecipazione, con l’invito a sentirci davvero uniti, come un’unica famiglia che agisce per il bene pubblico, quello di tutti, seppure nel rispetto dei ruoli istituzionali. La paura con cui la gente di questi territori è costretta a convivere ancora oggi, nonostante gli interventi “tampone” effettuati negli anni e nei mesi scorsi, mi spinge a convocare questo incontro per poter aprire una finestra di dialogo volta al raggiungimento di soluzioni concrete, ma anche perché si possa dare alle persone colpite da questa calamità una speranza e un gesto di vicinanza. È bene che la gente che abita il territorio venga portata a conoscenza direttamente da voi di quanto è stato fatto – e per questo vi siamo tutti grati -, ma anche di quanto c’è ancora in progetto di fare per eliminare una volta per tutte il rischio di altre esondazioni. Ormai non si tratta solo di eventi “eccezionali” e rari, ma questa è diventata una realtà che si ripresenta quasi ogni anno, ogni volta che piove con maggiore abbondanza, specie in inverno. A tal proposito, è bene ricordare che ogni esondazione porta con sé molteplici danni materiali alle abitazioni, alle colture e agli allevamenti, ma anche – e soprattutto – un concreto pericolo per l’incolumità e la vita di quelle famiglie che si trovano coinvolte. Come parroco sono vicino alla mia gente e desidero fare tutto il possibile per garantire l’incolumità di tutti. Nel ringraziarvi anticipatamente, fiducioso della Vostra presenza, Vi saluto cordialmente. Che il Signore vi benedica.

Il Parroco Don Cosimo Galizia

Stampa Email