Rosario Simone, storia di un coriglianese reinventatosi dopo il lockdown

Il suo nome è Rosario Simone, è nato a Corigliano Calabro 25 anni addietro e attualmente vive con la sua famiglia in contrada Colucci, nel vicino comune di San Giorgio Albanese. Ragazzo conosciuto e stimato, è l’artefice di una storia fatta di semplicità ma anche di lungimiranza, 

capace di traghettare anche i più diffidenti verso nuove esperienze lavorative e d’essere da stimolo per quanti intendono rimettersi in gioco, nonostante le avversità che la vita a ciascheduno non di rado riserva.
“Nel lockdown di marzo – spiega il giovane Rosario Simone – ho perso il lavoro ma non le speranze; così mi sono reinventato con la passione per le arti grafiche. Da autodidatta ho iniziato a creare grafiche per gioco, che hanno colpito ed emozionato tante persone, che hanno finito per chiedermene di realizzare una per ciascuno di loro. Da qui ho capito di avere un talento e di essere ispirato per far diventare questa mia passione un’occupazione lavorativa a tutti gli effetti”.
E così, difatti, è stato. Rosario Simone è adesso un apprezzato e ricercato autore di grafiche dagli effetti speciali, utili per diletto o finanche per professione. È un esempio, il suo, di resilienza, esempio per tutti quei giovani che coltivano passioni e nutrono speranze, in un mondo costellato d’incertezze e spesso d’effimeri riferimenti.
Fabio Pistoia
 

Stampa Email