Noi italiani costretti a casa e loro no?

Buongiorno Corigliano-rossano, stiamo a casa. E' un momento difficile per la nostra amata Italia, per questo dobbiamo essere piu che mai uniti tutti, ripeto tutti contro questo nemico invisible, non sono vecchio ma neppure un giovanotto, ma dai racconti dei nonni sembra di ritornare ai tempi di guerra, caduti che non hanno avuto la degna sepoltura, ora si guarda la TV 

e essendo costretto a vivere in casa non si puo non seguire le varie dirette che Costantemente si fanno, dottori, infermieri che lotta o in trincea per salvare piu vite umane possibiliti, e una guerra che noi dobbiamo vincere a tutti i costi, puo' un coglione di virus distruggere la vita umana? no non lo puo' dobbiamo e siamo tenuti a farlo tutti seguire quelle piccola e semplice regole detta ti dà chi abbiamo mandato a governarci anche se devo dire che non è che ci abbia capito un nulla questi signori, ma ora mi chiedo e faccio una domanda alle autorita', perché noi italiani indossiamo guanti e mascherine e tutti i eventual profughi camminano e circolano sul territorio senza nessuna protezione?. 

Tutto andrà bene uniti vinceremo il popolo italiano si è sempre, sempre sollevato, lo faremo anche questa volta, ma una volta fatto avremmo di che pensare. Forza Italia forza Corigliano-rossano. Viva l'italia viva il tricolore.  

Stampa Email