Pescatori di Schiavonea ricevuti al Ministero. Tavolo tecnico convocato a Roma per il 24 ottobre

Si aprono importanti spiragli per i pescatori della marineria di Schiavonea a distanza di pochi giorni dai sit-in di protesta presso la locale area portuale, culminati con una partecipata manifestazione svoltasi sulla statale 106. Una delegazione degli operatori ittici è stata ricevuta questa mattina sia a Catanzaro, presso gli uffici della Regione Calabria, che a Roma, presso il competente Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.

A Roma, a rappresentare i pescatori, è stato Leonardo Gentile, il quale ha esposto le problematiche che affliggono la categoria (maglie, sanzioni, ecc.). In tale preposta sede istituzionale, i pescatori hanno avuto così la possibilità di illustrare ulteriormente le ragioni della loro mobilitazione e avanzare quelle che sono le istanze e le proposte alla luce delle difficoltà sorte con l’applicazione della direttiva europea n. 154.
Positive notizie, dunque, da tali significativi tavoli d’incontro e confronto affinché i pescatori di Schiavonea e le rispettive famiglie possano finalmente trovare ascolto e conforto. Il prossimo appuntamento al Ministero è per il 24 ottobre, con un tavolo tecnico al quale parteciperanno le associazioni di categoria.
Fabio Pistoia 

Stampa Email