Tutti pazzi per internet e per l'e-commerce

Internet e e-commerce: nomi internazionali per attività anche locali

Quando Internet ha fatto la sua rivoluzionaria comparsa nel mondo, nessuno avrebbe mai pensato, almeno nei primi tempi, che questa tecnologia avrebbe cambiato la vita delle persone, dalla A alla Z. Se inizialmente la Rete era accessibile a pochi, oggi non si può più pensare a un mondo non telematico, anche soltanto per questioni di sicurezza, socialità e quieto vivere, dai registri telematici delle scuole di ogni ordine e grado, al telefonino personale per le emergenze, passando per i sistemi di allarme personalizzati. 

Se poi si passa alle attività di ordinaria amministrazione quotidiana, l'impatto del web non è diverso, e molti si sono dovuti rimboccare le maniche e prendere atto del globale cambiamento: i genitori, che vedono crescere generazioni di bambini già predisposti, quasi naturalmente, alla tecnologia, fino agli anziani più "analogici", senza dimenticare gli addetti ai lavori, come i commercianti, gli imprenditori, oppure i funzionari delle pubbliche amministrazioni. 

Un nome su tutti: e-commerce, ovvero, tradotto, il commercio elettronico, oltre all'informatizzazione, su slancio legislativo, della P. A. 

La fotografia degli ultimi dati ISTAT in merito, confermati nell'analisi prodotta da Confcommercio, sono importanti e fanno riflettere sull'eventualità di un futuro tutto telematico:

 

  • A luglio 2018 si è registrato +13 e oltre per cento su luglio 2017 per le vendite via Internet

  • Nello stesso periodo il commercio tradizionale ha segnato uno -0,6 per cento totale delle vendite in valore

  • La flessione riguarda per lo 0,1 per cento la grande distribuzione e per l'1,5 per cento le vendite al dettaglio delle piccole aziende presenti sul territorio. 

 

Confcommercio, in merito a questi dati, ha parlato di come i negozi discount presenti nelle varie città siano in grado di resistere alla crisi. 

Sarà forse perché Internet è il regno degli sconti e delle promozioni, e dunque piuttosto competitivo in tal senso. O magari il commercio elettronico sta avendo sempre di più la meglio per la praticità della consegna a casa praticamente a ogni ora, in un mondo nel quale tutti sono sempre di corsa e senza orari standardizzati di lavoro. 

Senza contare, a tal proposito, la velocità dei nuovi pagamenti multimediali, dalle carte prepagate fino a Paypal, un sistema pratico e sicuro anche in termini di privacy. Infatti Paypal, metodo accettato dai siti di scommesse, dagli operatori di viaggio, dai commercianti di abbigliamento oggettistica online e altro, è un metodo sicuro, anche per la privacy, in quanto basta l'indirizzo e-mail collegato al conto per registrarsi. 

Visto dunque il forte successo di Internet a ogni livello, tutti si sono dovuti aggiornare, anche e soprattutto su base locale, dai commercianti, per la promozione della propria attività, magari sui social network principali, fino alle pubbliche amministrazioni e ai soggetti interessati, in termini di servizi al cittadino e per la divulgazione di notizie importanti riguardanti la vita di una determinata comunità, a fini soprattutto informativi e di sensibilizzazione. 

E l' e-commerce? 

 

Anche le province non possono fare a meno delle compere e dei servizi via Internet 

In Italia, nonostante qualche resistenza, il commercio via Internet è, come si è detto, in netta crescita, anche nelle piccole città, data anche la grossa mole di pubblicità che gira intorno ai social media - con le pagine sponsorizzate - e a Google, - con le inserzioni a pagamento mirate -. 

Per dare qualche cifra di riferimento, basti sapere che sono sensibilmente aumentati in tutta Italia i negozi online, e che le regioni che hanno dato una migliore prova in questo senso sono proprio quelle del Sud, con un incremento percentuale costante dell'e-commerce negli ultimi 10 anni del 35 per cento, nello specifico per Campania, Abruzzo e Calabria (stando almeno ai numeri forniti da Unioncamere e InfoCamere, sulla base dei registri forniti dal Registro delle imprese delle Camere di commercio.)

I settori di successo vanno dall’abbigliamento all’intrattenimento, compresa la ricerca di prodotti introvabili nei negozi comuni, come accessori particolari o prodotti specifici per la casa.
Non è da meno il campo dell’informazione: numerose sono infatti le testate locali, spesso aggiornate in tempo reale, le quali permettono di saperne di più su di un fatto di cui magari si è appena sentito parlare e successo in città. Ciò accade anche per lo sport di ogni tipo, ovvero per restare sempre aggiornati sugli eventi sportivi cittadini nonché sui risultati delle partite disputate nelle vicinanze. 

Stampa Email