Corigliano: arriva la clementina "emma"

Arriva una nuovissima referenza, gustosa e fresca, a maturazione e dolcezza perfette, senza semi, facile da sbucciare e pronta a conquistare adulti e bambini. È “emma”, la clementina premium coltivata nella Piana di Sibari, il risultato di un progetto importante, nel solco della tradizione e competenza firmate Gruppo Mazzoni.

 La Divisione Ortofrutta Fresca del Gruppo – 60 anni di attività nella filiera ortofrutticola – aveva già iniziato, nel 2001, la coltivazione e distribuzione di pesche e nettarine proprio in Calabria. Con “emma” viene rafforzato il legame con la Piana di Sibari, per proporre a GDO e dettaglio specializzato un prodotto unico, italiano, dalle caratteristiche organolettiche superiori e posizionamento top di gamma

Il nome “emma” (come riportato da alcune testate di settore, da FrehPlaza a FruitBookMagazine) gioca con fantasia sulla personalizzazione del prodotto, evoca assonanza con ‘clementina’ e che richiama la femminilità del prodotto. La finestra di raccolta va dalla seconda decade di ottobre alla terza di febbraio. Per la campagna 2018-2019, spiega Sergio Trevisan, direttore commerciale della Cico-Mazzoni, “Stimiamo una commercializzazione di circa 10.000 tonnellate, suddivisa tra varietà precoci, medie e tardive, in modo da essere presenti con uniformità per tutta la stagione. “emma” viene proposta in cestini da 1,5 kg, facili da trasportare, con una grafica moderna e fresca, su cui campeggia il logo, uno spicchio arancione che ricorda la brillantezza del sole e la freschezza del frutto.
“emma” nasce nella Piana di Sibari, luogo vocato per la coltivazione della clementina grazie al suo speciale microclima, caratterizzato da forti escursioni termiche tra notte e giorno e una importante insolazione, che risulta ideale per la crescita e lo sviluppo di questo frutto. Particolare cura inoltre viene dedicata alla raccolta, fatta in 3 o 4 passaggi, in modo da garantire sempre il perfetto grado di maturazione e il punto massimo di dolcezza. Dopo la raccolta, i frutti vengono conferiti al magazzino di stoccaggio, dove restano per pochissimi giorni per poi arrivare freschissimi sui punti vendita".
Il progetto legato alla creazione di “emma” si innesta in un percorso di crescita costante delle attività di Cico-Mazzoni. Dietro vi è una strategia industriale precisa e di ampia prospettiva: “Il nostro obiettivo – spiega Matteo Mazzoni – è quello di perseguire progetti che ci consentano di investire, con il nostro know-how, anche in areali di produzione diversi dalla zona del ferrarese che ci vede storicamente molto forti. Selezioniamo le specie di interesse, individuiamo le aree vocate e stringiamo partnership con solide e valide basi produttive di agricoltori esperti. Il nostro valore aggiunto è dettato dalla nostra esperienza nella gestione del prodotto, stoccaggio, confezionamento, logistica e rapporto con il trade nazionale e internazionale”.

Fabio Pistoia

Stampa Email