Riaprite le porte alla città unica di Corigliano Rossano 
L’AIC, l’Istituto di “ nuova generazione” proclamato dalla Regione Calabria con laLegge Regionale 18 Maggio 2017, n. 18, ovvero “ Autorità Idrica della Calabria, ente pubblico non economico rappresentativo dei comuni della Calabria tutti ricadenti nell’ambito territoriale ottimale”. In data 17 Marzo 2018 si è proceduto alle votazioni ove i sindaci della Calabria hanno eletto i 35 comuni costituenti l’assemblea dell’AIC. 

I due Comuni di Corigliano Calabro e Rossano, ancora non fusi, hanno votato separatamente a mezzo dei rispettivi sindaci, Giuseppe Geraci e Stefano Mascaro.
Con comunicazione del 15 Marzo 2018, la Regione Calabria ha indicato le “ nuove disposizioni” per i Comuni di Corigliano e Rossano, ossia “ in considerazione dell’imminente fusione dei Comuni di Corigliano Calabro e Rossano qualora fossero eletti uno o entrambi, sino al completamento dell’iter di fusione – da ritenersi concluso con l’elezione dei nuovi organi di amministrazione (ovvero sino alle elezioni politiche amministrative previste nel 2019) – in seno all’Assemblea dell’AIC subentrerà da subito il primo o i primi dei Comuni non eletti”.
La Regione e i suoi consiglieri che tanto si sono prodigati sulle positività delle fusioni, come primo atto in prossimità della fusione, qualora eletti, escludono la città unica di Corigliano – Rossano dall’Assemblea e sino alle elezioni amministrative previste nel 2019.
Ma la cosa che lascia sbigottiti - a seguito di accesso agli atti all'AIC- dai verbali delle votazioni, la prova documentata che l'ex sindaco Geraci non ha votato la sua città. Dai verbali emerge: la presenza del sindaco G. Geraci, ex sindaco della città di Corigliano Calabro, i seguenti suffragi, per i Comuni di Fascia A della provincia di Cosenza, zero voti per Corigliano , San Giovanni in Fiore 2, Rende 1, Paola 1, Montalto Uffugo 1, Acri 1.
Se la matematica non è una opinione è palese il voto dell'ex sindaco della città fusa di Corigliano Calabro.
Se il sindaco della città di San Giovanni in Fiore, città del Presidente Oliverio, non ha diritto a due voti solo perché la comunità del Presidente della Regione, il voto mancante a Corigliano è, di certo, finito in “tasca” a San Giovanni.
Viene da chiedersi il perché un sindaco non vota la sua città e vota quella del Presidente Oliverio. Viene da chiedersi perché un sindaco di destra sostiene una cittadina del Presidente Oliverio PD.
Quale oscure motivazioni possono esserci per fare optare un sindaco a non votare la sua città, ovvero se stessi.
Arriva dalla iniziativa privata quella di richiedere alla Regione e al Suo Presidente, alla luce dell'impropria esclusione della città unica di Corigliano – Rossano, di riesaminare la costituita Assemblea AIC.
In applicazione dell’art. 118 comma 4 della Costituzione considerare la sussidiarietà come il coinvolgimento della “forza sociale” nella gestione e nella offerta dei servizi di utilità generale ed aprire le porte dell'AIC anche alla città unica e ai suoi cittadini di Corigliano – Rossano, bannati e traditi dalla politica locale e da quella Regionale.
Graziella Algieri  

 


Commenti   

+9 #1 Figuraccia 2018-05-31 23:32
Che figura di.....non ci sono parole
Citazione

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.