Sappiamo che la tempistica dei burocrati, non segue i riti e i ritmi della democrazia, che richiedono riflessione e ricerca di compromessi. E non erano di certo necessari alcuni mesi per capire che proprio la mancanza di queste qualità sta impedendo, ai dirigenti (rossanesi) e ai commissari che gestiscono la fusione dei comuni di Corigliano e Rossano, di costruire una macchina comunale efficiente e equilibrata, soprattutto per ciò che riguarda le finanze, la dislocazione e la gestione degli uffici e le risorse umane. 

Certo sbagliare è umano, ma perseverare è diabolico, specie se dal Garopoli ancora emerge la vecchia logica acchiappa tutto dei rossanesi, utilizzata dai nostri dirimpettai già nella sanità e che ci stata era chiara all’indomani del referendum, per cui si deve parlare di uffici e municipi da dislocare (per ora) solo a Rossano, di dirigenti (per ora) solo rossanesi, di combinazioni nella gestione di alcuni settori chiave, impossibili (per ora) a Corigliano. LEGGI ARTICOLO COMPLETO

 


Commenti   

+1 #7 ANGELO VITERITTI 2018-06-02 16:18
Il peggio deve ancora arrivare!!!Completeranno l'opera con la conquista della futura Amministrazione.Alla faccia dei Coriglioni.
Citazione
+5 #6 Comunicato sterile 2018-05-30 16:28
Mi chiedo quale costruttivo contributo per la societa civile possa esprimere un comunicato come questo che definisce "ignari commissari" "logica acchiappatutto dei rossanesi" e Coriglionesi quelli di Corigliano. Forse un po' di sana autocritica verso le responsabilita' di chi ha lasciato un comune senza ne' capo/capi né coda non guasta.
Citazione
+2 #5 Error 2018-05-30 10:35
Adesso vogliono l'aiuto dei cittadini, dopo che hanno fatto nel comune quello che hanno voluto???
Quando mai hanno ascoltato la voce della città, delle associazioni, delle proposte? Mai!
L'ultima amministrazione ha fatto tutto quello che ha voluto senza rendere conto a nessuno!
Loro è la colpa di tutto questo, compreso quel maledetto atto di delibera alla fusione!
Citazione
+12 #4 Mea culpa 2018-05-30 09:03
Prima di chiamare il tuo paese Coriglione forse la politica deve fare un mea culpa. Gli uffici di Corigliano sono cosi da sempre ed anzi negli ultimi anni ancora piu deboli. Le pratiche a Corigliano sono di piu perche non vengono evase nei tempi, tanto che i privati ricorrono al silenzio assenso.Nessuno ha fatto niente per garantire efficienza e buone regole, anzi...la fusione non c'entra niente, fa il suo corso. Il problema non sono le mani sulla città ma il fatto che è stata consegnata una città debole perché chi poteva e doveva fare qualcosa nel tempo e non certo ora non ha fatto niente....salvo alcune eccezzioni.
Citazione
+24 #3 Troppo tardi 2018-05-29 22:20
Francamente suona un po posticcio questo interessamento dell'ex amministrazione Geraci per le sorti degli uffici e dei dipendenti. Dopo il referendum Potevano fare i dirigenti gia' con la prima delibera sul oersonale, per intenderci quella che ha permesso con straordinario tempismo alcune assunzioni.Ed ancora la legge consentiva ai sindaci prima ancora dell'arrivo del commissario di organizzare il personale. Perché ns7n lo hanno fatto? Era evidente che una struttura debole e mantenuta tale fino alla fine avrebbe pesato sul territorio.
Citazione
+23 #2 Ex amministratori 2018-05-29 21:21
Perfettamente inutile la delibera dell'ex giunta Geraci su organico e istituzione dei dirigenti. VENTI GIORNI PRIMA DELLA FUSIONE: UN ASSURDO!!Se tanto.ci tenevamo a qualificare gli uffici perché hanno aspettato la fine? Eppure alcune iniziative sul personale sono state fatte con tempismo e nei tempi giusti. Intelligenti pauca.
Citazione
+19 #1 Cambio vantaggioso 2018-05-29 17:53
Ben vengano le decisioni organizzative del Commissario se servono a fare funzionare finalmente meglio gli uffici di Corigliano.
Citazione

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.