“È innegabile affermare che la zona montana del territorio di Corigliano, vasta e articolata, con un ingente patrimonio boschivo, rappresenta una bellissima e preziosa risorsa naturalistica e ambientale da far apprezzare e tramandare alle nuove generazioni e da tutelare e valorizzare adeguatamente perché può e deve costituire una fonte inesauribile anche per l’economia locale sotto il punto di vista turistico”.

I rappresentanti dei Comitati Insieme per Corigliano, facendosi portavoce delle istanze provenienti in tal senso da numerose famiglie residenti nelle zone montane del territorio comunale (Piana Caruso, Baraccone, Simonetti, Trenta Coste, ecc.), intendono sensibilizzare le preposte autorità su una problematica di interesse collettivo: il riutilizzo degli immobili ex Forestale attualmente dismessi. In una nota dei Comitati, ideati dal giornalista Fabio Pistoia con un nutrito gruppo di cittadini, si chiede di valorizzare queste risorse per scopi sociali.
“La zona montana di Corigliano – dichiarano dai Comitati popolari – è importante sotto il profilo paesaggistico, ecologico, agricolo. È un bene che tutti dovremmo custodire gelosamente, cittadini e istituzioni, per migliorare le condizioni di vivibilità delle numerose famiglie residenti e incentivare l’offerta turistica con idee, programmi, iniziative. È importante quindi iniziare a garantire i servizi fondamentali per la comunità che in queste località vive e lavora quotidianamente, tra sacrifici e scelte difficili dettate dall’affetto di non abbandonare tali luoghi. Tra le priorità da sottoporre alle competenti autorità, in primis Corpo Forestale dello Stato e Comune di Corigliano Rossano, vi è certamente il futuro della grande struttura, situata in località Baraccone, che per tanti anni ha ospitato la sede del Comando-Stazione del Corpo Forestale. Una struttura grande e immersa nel verde che potrebbe essere destinata, ad esempio, per innumerevoli scopi di carattere sociale, turistico, aggregativo, e che oggi invece giace senza alcuna funzione e chiusa in un triste isolamento. Stesso discorso vale per l’ex Caserma Forestale di località Trenta Coste. Recuperare e valorizzare questi immobili è una delle questioni che riteniamo dunque prioritarie se si ha intenzione di scommettere seriamente sulle potenzialità finora inespresse della nostra meravigliosa zona montana”.

Corigliano Rossano, 29 maggio 2018

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.