Ma resto resto sempre dell’avviso che la rivoluzione andava fatta all’interno dei partiti.
C’erano una volta, tanti anni fa, il Sessantotto, il crollo del Muro, la rivoluzione comunista e l’era Ronald Reagan. C’erano le ideologie, la destra conservatrice, la sinistra rivoluzionaria, i movimenti studenteschi, i cattolici; eppure, oggi, nell’anno in cui i ragazzi nati nel 2000 si sono avvicinati per la prima volta alle urne, queste appaiono veramente come cose del secolo scorso. 

D’altra parte, quest’anno ricorre appunto il cinquantesimo anniversario del Sessantotto (quel Sessantotto, che secondo Sarkozy nel 2008, avrebbe indebolito con le sue proteste l’autorità dello Stato). C’è stato il desiderio, negli anni Duemila, di svecchiare la politica che con il suo stampo novecentesco appariva obsoleta, che mirava a creare, dopo la caduta della maggior parte dei governi comunisti, un nuovo sistema economico e che non apparisse come una forma di controllo della democrazia e della popolazione. E questo desiderio si è visto avverato con la costruzione di una “post-ideologia“, definita a suo tempo da Beppe Grillo nella sua campagna per il neonato Movimento 5 Stelle come “politica senza strumenti di analisi e senza progetto base, destinata a svecchiare la politica del Novecento”: la destra e la sinistra politiche sono completamente sparite. E ora, delle vecchie ideologie non rimane che qualche saltuario frammento, dai riferimenti – verde, rosso, blu, fucsia, amaranto? – spesso ambigui e dai piani difficilmente comprensibili. Nulla di personale contro il M5S e con i suoi rappresentanti, che peraltro stimo, ma se rivoluzione doveva essere, la stessa doveva avvenire all’interno dei partiti, svecchiando la vecchia classe dirigente e rimodellando i partiti tradizionalisti. Solo così avremmo dimostrato di avere il coraggio e la forza di ripulire e cambiare quella vecchia politica . Troppo semplice cavalcare l’infinita onda dell’antipolitica. Troppo difficile far prevalere le proprie ragioni all’interno del proprio partito. Il risultato oggi è netto ed evidente, abbiamo cancellato definitivamente la storia ideologica. Non pensate che sia un bene! 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.