Richiesta urgente incontro.
Egregio Sig. Prefetto,
con decorrenza 1 aprile p.v., è istituito il nuovo Comune Corigliano-Rossano.
La Legge Regionale n. 2/2018, all’articolo 4 comma 1, impone ai Sindaci dei due Comuni oggetto della fusione, di definire “l’organizzazione amministrativa provvisoria del Comune di nuova istituzione e il relativo impiego del Personale ad esso trasferito”.

     In ossequio ai dettami della citata normativa, e stante l’imminente scadenza dei termini di legge, la scrivente O.S. FP CGIL Comprensoriale ha sollecitato i Rappresentanti Istituzionali dei due Comuni, a incontrarsi con la scrivente medesima, allo scopo di predisporre una programmazione armonizzata del fabbisogno del Personale, in sintonia con la normativa regionale citata, e che tenesse conto del Personale ad esso trasferito.
Nel contesto della programmazione armonizzata della nuova organizzazione amministrativa, la FP CGIL ha altresì chiesto formalmente ai due Sindaci, di tener conto delle situazioni di precariato e di sottoinquadramento contrattuale, che interessa un gran numero di Dipendenti dei due Enti. Nello specifico, tra Corigliano e Rossano insistono ad oggi circa 155 Lavoratori contrattualizzati, provenienti dalle ex categorie di LSU e LPU, nonché circa 50 Lavoratori assunti con mansioni e categorie di inquadramento contrattuali, inferiori a quelli effettivamente rivestiti. Insistono infine numerosi rapporti di lavoro part time, che mal si conciliano con la mole di incombenze che gravano sui due Enti in procinto di fusione.
Allo scopo di programmare un’organizzazione amministrativa, necessaria a meglio armonizzare i due Organici Comunali, e al fine di individuare percorsi di indirizzi strategici e di sviluppo del nuovo Comune, la scrivente O.S. ha altresì formalmente richiesto alle due Amministrazioni Comunali di sospendere ogni procedura non funzionale alla fusione, specie se tali procedure vanno ad impegnare risorse economiche di ormai prossima competenza del nuovo Comune, e comunque di nessuna utilità per i singoli Comuni in fase di scioglimento.
La scrivente O.S. FP CGIL, fortemente preoccupata della brevità dei tempi e dell’immobilismo dei due Enti, nonché perplessa per lo svolgimento delle prove selettive per la nomina di un Dirigente, avvenuta lo scorso 27 febbraio ad opera del Comune di Rossano, chiede alla S.V. un urgente incontro con i due Sindaci di Corigliano e Rossano, al fine di attivare gli atti propedeutici, e scongiurare impegni di spesa non funzionali alla fusione, ma che andrebbero a gravare sul nuovo Comune.
Si informa infine che questo stato di cose ha determinato grave preoccupazione fra i Dipendenti dei due Enti, con particolare riferimento ai Lavoratori contrattualizzati e ai sottoinquadrati, pronti alla proclamazione dello stato di agitazione e ad altre eventuali forme di protesta.
In attesa di Suo urgente riscontro, l’occasione è gradita per porgere
saluti e cordialità.
Castrovillari, 6 marzo 2018

FP CGIL Comprensoriale
Il Segretario Generale
Vincenzo Casciaro  

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.