“Purtroppo solo adesso Governo centrale e ministeri si accorgono che esistono il Sud e la Calabria jonica, una terra abbandonata da tutti negli ultimi anni. Il ministro Delrio si diverte a propinare annunci alla vigilia delle elezioni. Un miliardo di euro per la statale 106, tra le strade più pericolose ed insicure d’Italia? 

Mi auguro non si trattino solo di chiacchiere e delle solite promesse da campagna elettorale, anche perché la riunione del Cipe prevista per questa mattina è stata rinviata a data da destinarsi. Delrio, però, ha ragione quando sostiene che gli ultimi investimenti per il territorio jonico si sono fermati ai tempi di Cavour. Al ministro delle Infrastrutture chiederei a cosa servono questo genere di proclami, se negli anni la statale 106 si è trasformata, sempre di più nella famigerata “strada della morte”. Servono progetti ed investimenti seri per combattere l’isolamento della Piana di Sibari, polmone economico della regione, non ciance! In questa direzione, da anni ci battiamo per la messa in sicurezza della strada statale 106, ma anche per la metropolitana leggera di superfice, che potrebbe collegare la Sibaritide all’aeroporto di Crotone in quaranta minuti. E se proprio ci si volesse sforzare, con le cospicue risorse economiche sbandierate da Delrio, ma al momento non previste dal Cipe, si potrebbe invece elettrificare la linea ferroviaria e portare sulla Jonica l’alta velocità, che attualmente si ferma in Basilicata, ad appena un centinaio di chilometri da noi. Basta fumo negli occhi. Che il governo si occupi, seriamente, della Calabria jonica”.È il commento di Ernesto Rapani, candidato di Fratelli d’Italia alla Camera dei Deputati.
 

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.