Graziano: Dopo le audizioni in Prima commissione, subito l’approvazione della Legge in Consiglio 
CORIGLIANO-ROSSANO – Ora si dia l’incisivo e definitivo impulso alle procedure conclusive dell’iter amministrativo per la fusione dei comuni di Corigliano-Rossano. Si porti subito all’approvazione del Consiglio regionale la proposta di legge “Graziano” dando così valore, certezza e forma alle attese dei cittadini della nuova grande città calabrese. 

La politica e le istituzioni partecipi di questo processo, finora, hanno dato prova di grande maturità e concretezza. Non si tentenni e si vada dritti verso l’obiettivo. Ad affermarlo è il presidente nazionale de Il Coraggio di Cambiare l’Italia, Giuseppe Graziano, già Segretario questore del Consiglio regionale e promotore della legge finalizzata alla costituzione della terza città più grande della Calabria, all’esito delle audizioni della Prima commissione regionale Affari istituzionali, riunitasi stamani (martedì 16) a Palazzo Campanella. A seguito dell’ennesimo, opportuno e democratico passaggio in sede istituzionale – dice Graziano – ora credo sia giunto il tempo di trasformare il lungo processo amministrativo in un atto concreto, sicuramente complesso, ma che tutti i cittadini sperano possa essere foriero di un nuovo sviluppo per la Sibaritide. A seguito dell’audizione tenutasi oggi in Prima commissione – precisa il leader del CCI – credo non ci siano più motivazioni ostative affinché l’iter per la fusione venga concluso con la propedeutica approvazione della legge ad hoc in Consiglio regionale. E che lo si faccia subito, prima che i cittadini di Corigliano e Rossano possano pensare che quanto costruito finora, dall’atto d’impulso dei due Consigli comunali per finire alla grande azione democratica e partecipativa del Referendum consultivo, sia stato solo un elefantiaco passo verso il nulla. L’aspettativa dei cittadini – aggiunge Graziano – è che, scaduti i sessanta giorni canonici dalla proclamazione dell’esito del Referendum, si convochi subito il Consiglio regionale - quindi entro e non oltre il prossimo 22 gennaio - per l’approvazione definitiva della proposta di legge “Graziano” (la 182/X) sulla fusione di Corigliano-Rossano. Non potranno essere tollerate altre soluzioni, magari scaturite dall’ormai epocale e insaziabile fame di potere dei soliti noti. I cittadini di Corigliano-Rossano, attraverso il Referendum, hanno scelto e deciso di voler essere loro gli artefici del destino della nuova Città e nessuno dovrà impedirglielo. Quindi, al bando ogni ipotesi di commissariamenti lunghi. Vogliamo una Città governata dagli eletti dal popolo! In questo frattempo – scandisce Graziano – investiti di nuove e importanti responsabilità, i cittadini credo abbiano il dovere morale e civico di iniziare a lavorare in modo costruttivo e collegiale alla formazione della futura classe dirigente che avrà il compito, sicuramente impegnativo e di responsabilità ma carico di prospettive e tanti sogni, di rappresentare e riempire di contenuti la prima Assemblea costituente della nuova Città. Che non sarà solo la terza più grande della Calabria ma anche la prima in Italia – conclude - a sperimentare un processo di unificazione tra due grandi e complesse realtà comunali.

Ufficio stampa - Il Coraggio di Cambiare l'Italia

 

 


Commenti   

0 #2 ANGELO VITERITTI 2018-01-17 13:46
Fate proprio ridere!IL CORAGGIO DI CAMBIARE L'ITALIA.Mi sembra troppo esagerato che 4 gatti possano avere questa pretesa.Siate più umili verso voi stessi così evitate di far ridere i polli...
Citazione
-3 #1 1 2018-01-16 20:49
se avessi i soldi, plagerei a finché possa stare a casa... a te e a quelli come te
Citazione

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.