Allarme di Antoniotti: Ancora dibattiamo sull’ovvia utilità della fusione?
A breve l’ospedale spoke di Corigliano-Rossano potrebbe perdere anche il reparto di Nefrologia. Un’altra eccellenza dell’offerta sanitaria territoriale rischia di essere trasferita a Castrovillari. Ecco cosa hanno prodotto, negli anni, le politiche regionali di Loiero e Scopelliti, oggi reiterate e ratificate da Oliverio. 

Ed ecco cosa produce la disgregazione di un territorio e tra due Città che insieme, invece, potrebbero rivendicare maggiori diritti per i cittadini dell’intero comprensorio della SIbaritide. Solo un folle può essere contrario alla fusione!

 
A lanciare l’allarme è il capogruppo consiliare di Rossano Prima di Tutto, Giuseppe Antoniotti, che del paventato ennesimo scippo che starebbe per essere messo in atto ai danni dello Spoke della sibaritide ha informato il Segretario questore del Consiglio regionale On. Giuseppe Graziano, unico riferimento del territorio all’interno del Parlamento calabrese.
 
Corigliano e Rossano – dice Antoniotti – rischiano di essere, ancora una volta, terreno di facili conquiste. Infatti, mentre noi continuiamo a litigare, in modo folle, sull’ovvia utilità della fusione sarebbe già pronto l’ennesimo scippo ai danni del territorio della Sibaritide. Già, perché non è bastato aver creato una cervellotica rete ospedaliera territoriale, lasciando fuori Trebisacce e accorpando l’ormai svuotato nosocomio di Acri allo spoke Corigliano-Rossano, ora si ipotizzata anche la chiusura del reparto di Nefrologia. Che sarebbe una rapina in pieno stile Lupin dal momento che si attuerebbe non in conformità all’Atto aziendale ma addirittura per accomodare qualche equilibrio di natura clientelare. Spero di essere smentito, anche se la lenta dismissione di uno dei reparti fiore all’occhiello dello Spoke Coriglano-Rossano, lascia presagire il peggio. Basta farsi un giro all’interno dell’Unità operativa per accorgersi che molte delle prestazioni e dei servizi finora offerti dal reparto non vengono più erogati in loco, bensì effettuati a Castrovillari. Tutto questo, sacrificando e disperdendo il lavoro egregio compiuto negli ultimi due decenni dall’equipe diretta dal primario Teresa Cicchetti.
 
Lancio un appello, pertanto – aggiunge il capogruppo di RpT – al nostro consigliere regionale di riferimento, On. Giuseppe Graziano, affinché, seppur dai banchi dell’opposizione, sollevi in modo deciso questo ennesimo problema in seno all’Assemblea e chieda spiegazioni e rassicurazioni al Governo Oliverio. Per quanto mi riguarda, già a partire dalle prossime ore, insieme ai colleghi consiglieri della minoranza - ovviamente insieme a quelli che non sono complici delle attuali condizioni della sanità della Sibaritide ridotta ad uno stato comatoso dal governo Scopelliti – avvieremo una serie di iniziative di protesta per evitare l’ennesimo scippo. Augurandoci che sia l’ultima battaglia contro il depauperamento dei servizi in questo territorio – conclude Antoniotti - dal momento che con l’attuazione del processo di fusione una Città di quasi 100mila abitanti dovrà per forza di cose vedersi riconosciuti tutti i suoi diritti.
 


Commenti   

0 #5 ANGELO VITERITTI 2017-10-14 17:46
Sono le politiche scellerate della nostra Regione e sostenute dalle sue maggioranze,che ci penalizzano.Solo quando avvengono gli scippi poi siamo bravi a prendercela con Cosenza o Castrovillari. Oppure ci facciamo la guerra Corigliano-Rossano.Vero dott.Mazza? Angelo Viteritti NO FUSIONE
Citazione
+4 #4 Domenico Mazza 2017-10-14 01:41
Illustri commentatori, parlare di scippi nel momento in cui si parla di ospedali spoke è come dire che si rubano i soldi dal proprio portandogli. Forse a molti ancora non è chiaro che una struttura spoke significa che per quanto logisticamente possano esistere due siti, o se preferite plessi, amministrativamente sono una cosa sola. L'articolo fa riferimento ad una migrazione verso Castrovillari, che non mi sembra sia stato annesso allo spoke Rossano-Corigliano. Riguardo al fatto di scelte scellerate da parte della revisione che ci fu delle ASL, Vi vorrei ricordare che in consiglio regionale funziona come in consiglio comunale e come in parlamento dove le proposte vengono votate a maggioranza, piaccia o meno i principi della democrazia si fondano su questo, e per quanto in un consiglio possano esserci autorevoli personalità, il voto di ognuno non è parametrato alla valenza di chi lo esercita, ma alla singola unità e da sempre più una comunità è grande più esprime rappresentanti a tutela dei suoi interessi, ecco perché la fusione ha una valenza importante, più rappresentatività più peso, più peso più diritti. Cordialmente, Domenico Mazza.
Citazione
-5 #3 ANGELO VITERITTI 2017-10-13 17:15
Anzichè pensare alle cose serie pensate alla fuffa fusione!Dove eri tu da Sincaco , il tuo amico Dima e Caputo quando Scopelliti riduceva la Sanità a questo stato comatoso? Siete falsi è ingrati.Stavate forse pensando al progetto fusione per continuare a prendere per il culo i cittadini di Corigliano e di Rossano?Sarete travolti proprio a Rossano da una valanga di NO come ti è già successo alle elezioni Comunali.La gente è stanca di tutti voi,e dei vostri sermoni. Vi conosce bene a tutti. non vi preoccupate...Angelo Viteritti NO FUSIONE WCORIGLIANO W ROSSANO AUTONOMI
Citazione
-2 #2 il brigante 2017-10-13 17:01
parlate proprio voi che avete scippato tutto a Corigliano, a partire da ortopedia (reparto nuovo a Corigliano) per trasferirlo a Rossano in un tugurio e via discorrendo. Adesso che vi viene tolto qualcosa gradita al ladro al ladro.
Citazione
-1 #1 Cuoredicane 2017-10-13 16:28
Ma cosa c'entra la fusione con i problemi del reparto di nefrologia che rischia di chiudere?
Forse Castrovillari ha più abitanti di Corigliano e Rossano?
Forse Castrovillari si è "fusa" con qualche altra cittadina in passato?
O, forse, più probabilmente, Castrovillari ha ed ha sempre avuto una classe dirigente più capace e adeguata di quella coriglianese e rossanese?
Non è un problema di numeri.
E' un problema di classe dirigente.
Ma cosa volete fondere?
Più fusi di quello che siete!
Una cosa, invece, potreste fare, alla luce della situazione in cui versano le comunità di Rossano e Corigliano: smettere di interessarvi della "cosa pubblica" per manifesta inadeguatezza.
Cordialmente.
Cuoredicane
Citazione

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Eventi

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

 
 

 

che tempo che fa

giweather joomla module

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.