La scelta di fare il Consiglio Comunale urgente sulla fusione mi pare assolutamente opportuna. Non si può dire che siamo alla vigilia di ferragosto e quindi che questa convocazione sarebbe un blitz. Perché tante invece sono le ragioni che giustificano la necessità di una discussione del nostro Consiglio Comunale e di una sua nuova determinazione dopo l'atto di impulso. In primis per l'attesa decisione della commissione di accesso. 

Fino ad allora non ci sono le condizioni (quelle si, davvero democratiche) per un serio confronto elettorale sul referendum del 22 ottobre, perché come ci andresti ad un referendum con il comune sciolto per infiltrazioni mafiose? Poi il ricorso al TAR per la modifica del quorum che, indipendentemente dal risultato del referendum, rischia comunque di aprire uno di quei classici balletti giudiziari che abbiamo visto sia con i continui commissariamenti nel 2006 sotto la sindacatura De Rosis, sia alla Provincia di Cosenza con duello Bruno/Di Natale. Tutto ciò non sarebbe un buon inizio per il nuovo possibile comune e per il processo così delicato della fusione, e su questo anche i suoi più sinceri fautori dovrebbero convenire. E poi ancora la normativa regionale sulle fusioni che è in rapida evoluzione e che si sta provvedendo a riscrivere, anche alla luce del dibattito sulla nostra, quella tra Cosenza e Rende oltre che sulla costituzione del nuovo comune di Casali Del Manco. La nuova normativa, di cui speriamo al più presto la regione Calabria si doterà, dovrebbe chiarire definitivamente ed in modo inoppugnabile i quorum sulla validità dell'esito referendario e far diventare chiari, fin dalle proposte di fusione i termini, le condizioni e le prospettive per i cittadini ed i territori, attraverso progetti e piani di fattibilità totalmente mancanti nell'attuale proposta di fusione di Corigliano e Rossano, che fanno decidere molti cittadini come me a dire di No a salti nel buio. Non possiamo lasciare in mano ad un commissario prefettizio, nominato il giorno dopo il Si al referendum, le decisioni fondamentali sull'eventuale nuovo comune (ubicazione sedi, circoscrizioni e ruoli, dotazione organica, organizzaIone della macchina comunale e tanti altri punti determinanti e delicati). Pur essendo io contrario a questa fusione ed avendo condiviso le ragioni del ricorso al TAR, dico con chiarezza però che da questo pasticcio, innescato dalla goffaggine e dai gravi errori di Geraci e della sua maggioranza, non se ne esce con il ritiro della delibera dell'atto di impulso. Perché sarebbe un gesto di enorme scorrettezza verso Rossano, con la quale il nostro cammino di crescita comune dovrà proseguire ed intensificarsi, e rischierebbe di indebolire ancor più la nostra città per manifesta incapacità di una intera classe dirigente a governare ordinatamente i processi a cui viene chiamata. Il percorso va quindi rimesso sui binari giusti per portare i cittadini, dopo il tempo che necessita e i chiarimenti di cui hanno bisogno, ad una scelta davvero libera e consapevole. E questo al momento è possibile solo attraverso un atto del nostro Consiglio Comunale che chieda lo slittamento del referendum a dopo l'approvazione, in tempi rapidissimi, della nuova legge regionale nonché alla conseguente predisposizione di tutti i documenti a supporto sui termini della fusione che, come giustamente anche la proposta di nuova legge richiede, non possono essere lasciate indefiniti. 
Di questo credo Corigliano abbia ora bisogno per evitare ulteriori pericolose lacerazioni. E c'è davvero da auspicare che il Consiglio Comunale domani sappia cogliere su tutte le altre questa priorità, prima ancora che quelle di noi tutti che pur a ragione siamo schierati per il Si o per il No.
                                Pino Le Fosse
 

 


Commenti   

+7 #3 Iluc_spacca 2017-08-13 12:18
Stupisce sempre la considerazione che chi ha fatto politica ha del voto popolare, consultivo i deliberante esso sia. iluc_spacca ex agricoltore
Citazione
-5 #2 ANGELO VITERITTI 2017-08-12 22:35
Ma cosa vuoi votare.. Il voto del popolo non conta Nulla, in quanto il referendum è solo consultivo.Andava fatto prima delle deliberazioni dei due consigli comunali e proprio per questo motivo il Tar lo annullerà.Ciò è stato uno scherzo della Regione Calabria con la modifica della legge? Angelo Viteritti ex assessore
Citazione
+3 #1 Iluc_spacca 2017-08-12 14:01
BASTA LASCIATECI VOTARE! Non ne possiamo più pieta'! La parola al popolo!
Citazione

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Eventi

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

 
 

 

che tempo che fa

giweather joomla module

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.