Eccellenza Reverendissima,
nell"apprezzare, non poco, il Suo messaggio, ritengo di affermare, con tranquillante certezza, che quanto in esso enunciato, rispecchia l"iniziativa sfociata nell"Assise di domani.Infatti, quando S. E. afferma che "... il tema è delicato e che merita di essere considerato e analizzato dalla nostra gente con attenzione e pieno coinvolgimento....";

 allorquando ammonisce che "... l’argomento ... permane ancora appannaggio di pochi specialisti, spesso interessati e non attenti ai bisogni di una popolazione sempre più costretta a fare i conti con una crisi economica, i cui effetti devastanti sono fortemente presenti nel nostro territorio... ", quando sostiene che "... le due città più grandi della nostra realtà territoriale, di Rossano e Corigliano... dovrebbero imparare a camminare insieme per meglio valorizzare le numerose risorse di questo spazio di Calabria, e realizzare percorsi di speranza per la nostra gente... " e che "…dovrebbero provare a camminare insieme per cercare spazi di condivisione, di solidarietà, sapendo costruire opportunità di confronto perché tale progetto non rimanga nelle mani di alcuni ma diventi occasione di protagonismo per la nostra gente...", rinvengo le ragioni del ripensamento che tal non è ma sol necessità di riflessione per fugare ogni dubbio e ogni perplessità.
Ho sempre cercato il confronto su questioni tecniche di fondamentale importanza, ho mirato ad intessere rapporti tra le due amministrazioni su aspetti vitali per il progetto ma... questo è rimasto esclusivamente nelle mani dei “pochi specialisti” e pochi sbandieratori di tale fatto storico, generando solo incertezza e demagogia, perfino criticare ogni legittima richiesta avanzata da Corigliano.
E se occorre obbedire al Vangelo - che impone al cristiano di costruire la casa su fondamenta solide perché non crolli al primo vento – ritengo, allora, di dover attestare che una fusione di tal fatta sia stata costruita sulla sabbia...
Non v'è il tentativo di sedare il processo bensì, in ossequio a quanto da S. E. esortato, a metterlo in atto con il concorso e la consapevolezza di tutti e di ciascuno e non soltanto perché esso sia il cavallo di battaglia di "qualcuno" che mira alla enfasi personale e non al bene comune.
Ritengo, inoltre, che il tutto dovrà essere alimentato dal dialogo che porta benefici, progresso e pace, abiurando il personalismo e l'egoismo che portano, invece, come in questo caso, discordia e divisione.
Dev.mo in Domino
Giuseppe Geraci


Commenti   

+2 #2 Iluc_spacca 2017-08-12 14:03
Geraci lascia decidere alla gente se fusione si o no! Bastaaaaaaaa
Citazione
+10 #1 Frank45 2017-08-12 00:37
Quindi la colpa è di Rossano? Ma basta ed assumiti le tue responsabilità che con questa fusione, caro Geraci, ci hai giocato tanto
Citazione

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Eventi

Il Blog è anche su...

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

che tempo che fa

giweather joomla module

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.