L’ex assessore della giunta Straface pone alcune questioni sullo sviluppo territoriale ed evidenzia limiti e lacune alla vigilia del referendum
“È fuor di dubbio affermare che chiunque, indistintamente dalla rispettiva appartenenza partitica o dall’idea politica di riferimento, in quanto cittadino della Sibaritide, non può che definirsi strenuo difensore di un’agognata idea di sviluppo territoriale della Sibaritide e, pertanto, favorevole a qualsiasi forma di allargamento dei propri confini municipali nell’ottica di un ampio e condiviso progetto di unione armonica e coordinata tra più realtà. 

Esattamente tutto quello che, purtroppo, manca nel dibattito in atto sulla cosiddetta ‘fusione’ tra i Comuni di Corigliano Calabro e Rossano”.

È quanto sostiene Giuseppe Pucci, già assessore all’Ambiente nella precedente Amministrazione comunale guidata da Pasqualina Straface nonché esponente storico del Centrodestra coriglianese. L’imprenditore, nel suo intervento, rammenta la totale ‘dimenticanza’ del PSA (Piano Strutturale Associato), per il quale tanto impegno è stato profuso dall’ex compagine governativa e che oggi sembra essere caduto nell’oblio.
“Giorno dopo giorno, si ha la sensazione – dichiara Pucci – di assistere ad un dibattito stucchevole, sia nella forma che nei contenuti, sulla questione ‘fusione’. Personaggi schierati per il Sì e altri per il No cercano visibilità sugli organi d’informazione, a mo’ di tifo da stadio, senza però quasi mai entrare nel vivo delle argomentazioni o piuttosto promuovere un incontro-confronto tra le diverse parti. Eppure, col referendum del 22 ottobre prossimo i cittadini di ambedue le realtà comunali saranno chiamati a decidere del proprio futuro, e quindi sarebbe stato opportuno arrivare a questo importante appuntamento in modo documentato e scevro da pregiudizi d’ogni sorta. Ci si sofferma genericamente sui finanziamenti previsti in caso di esito positivo, ma nulla di più, dando così l’impressione, tangibile nella popolazione, che più che ad una ‘fusione’ Corigliano stia andando incontro ad una semplice ‘annessione’ alla vicina Rossano”.
“Com’è possibile – si chiede l’ex assessore Pucci – affrontare una questione di siffatta entità senza incentrarla sul PSA, unico strumento di sviluppo territoriale per il quale tanto ci siamo battuti nel recente passato? Uno strumento efficace che mirava a coinvolgere anche i viciniori centri di Cassano, di Crosia e di Calopezzati e prevedeva un graduale iter. Basti ricordare, a tal proposito, che a distanza di pochi giorni dal suo insediamento, l’allora Sindaco Straface s’incontrò col collega di Rossano, Filareto, per discutere insieme di tutti i principali progetti afferenti il vasto territorio della Sibaritide: il Piano Strutturale Associato (PSA), il Sistema Turistico Locale (STL), l’Area Urbana Corigliano-Rossano, i due Piani Strategici, la questione dei rifiuti, ecc. I due Sindaci erano concordi sul fatto che bisognava creare dei servizi cerniera fra le due città e che sarebbe stato opportuno continuare l’intrapreso lavoro congiunto fra la cabina di regia (con sede a Rossano) e l’ufficio del Piano (con sede a Corigliano), nonché sulla necessità di aprire un tavolo comune sulle principali problematiche del territorio. Inoltre, nel 2011, fu proprio la medesima Amministrazione a promuovere un pubblico convegno al Castello Ducale sul tema “Un solo indirizzo per oltre centomila cittadini”. Ecco perché è impensabile parlare oggi di ‘fusione’ solo per partito preso o per sentito dire, ignorando l’importanza strategica di uno strumento di sviluppo qual è il PSA, capace di veicolare al meglio anche il futuro di infrastrutture già esistenti, come il Porto di Corigliano, e di quelle in divenire, come l’auspicato Aeroporto”.
“La Legge Urbanistica della Regione Calabria (L. R. 19/2002) – spiega Pucci – introduce infatti il Piano Strutturale in forma Associata (PSA) con l’obiettivo di “accrescere l’integrazione fra Enti locali limitrofi con problematiche territoriali affini e promuovere il coordinamento delle iniziative di pianificazione nelle conurbazioni in atto, con conseguente impegno integrato delle risorse finanziarie” (art. 20 bis). Il Piano Strutturale Associato della Sibaritide mirava a rappresentare il principale strumento di pianificazione e governo del territorio ricadente nell’ambito dei Comuni associati. Tale esperienza s’inseriva all’interno di una politica di pianificazione e riordino del territorio regionale capace di favorire l’associazione fra Comuni per la redazione di un Piano Strutturale in associazione. Tale esperienza puntava inoltre ad innegabili vantaggi: migliore e più efficace governo del territorio i cui caratteri di omogeneità travalicano spesso i confini comunali; costruire programmi di sviluppo locale in grado di utilizzare al meglio risorse che acquistano valore solo ad una scala sovracomunale; possibilità di realizzare e gestire in associazione servizi ed infrastrutture che richiedono, per essere economicamente realizzabili, soglie di popolazione che spesso i piccoli comuni da soli non raggiungono. In tale direzione, ci eravamo mossi congiuntamente, condividendo potenzialità e criticità legate alla salvaguardia e valorizzazione della fascia costiera, alla razionalizzazione delle infrastrutture viarie, alla gestione dell’attività agricola e del settore turistico. Oggi, fare a meno di questo immenso patrimonio, qual è appunto il PSA, equivale a parlare, di fatto, semplicemente di aria fritta e non di una seria programmazione del territorio”.

Corigliano Calabro, 16 luglio 2017

 


Commenti   

+2 #6 Luigi C. 2017-07-18 12:16
Citazione Luigi C.:
Citazione quelli del popolino:
Ecco l'ennesimo che dall'alto della sua cultura ci propina l'ennesima lezioncina. Qualcuno gli ricordi che la giunta citata è stata "sciolta" per contiguità alla 'ndrangheta. In tema di "fusione" crei un comitato NO e vada in mezzo alla gente. Buonanotte.


il PSA????? Ma che ha fatto invece il PRG????? Che fina ha fatto il rispetto dei limiti Idrogeologici Altro che PSA???

....non vorrei essere stato capito male!!!
Infatti ponevo una domanda all'autore dello scritto: Come mai si chiedeva del perché del PSA e non si chiede invece che fine ha fatto il PRG Comunale che, nel caso di alcuni, a Schiavonea, ha impedito di costruire per via del vincolo Idrogeologico. Per altri invece questo vincolo non è esistito tanto che si sono realizzati interi quartieri in barba a ciò. Ed allora chiedevo come mai questa disparità nei Piani? Il PSA va bene!!!!! Ma anche il PRG???? Ecco perché non si cresce in questa città dove il peso e due misure vale solo per alcuni. A buon intenditore poche parole. O no????
Citazione
+12 #5 Luigi C. 2017-07-17 13:03
Citazione quelli del popolino:
Ecco l'ennesimo che dall'alto della sua cultura ci propina l'ennesima lezioncina. Qualcuno gli ricordi che la giunta citata è stata "sciolta" per contiguità alla 'ndrangheta. In tema di "fusione" crei un comitato NO e vada in mezzo alla gente. Buonanotte.


il PSA????? Ma che ha fatto invece il PRG????? Che fina ha fatto il rispetto dei limiti Idrogeologici Altro che PSA???
Citazione
-14 #4 giorgio71 2017-07-16 17:59
Ma non è che con questo ricorso che avete fatto iniziate a rendervi conto di aver fatto ricredere anche chi voleva votare no?
Citazione
0 #3 quelli del popolino 2017-07-16 15:23
Ecco l'ennesimo che dall'alto della sua cultura ci propina l'ennesima lezioncina. Qualcuno gli ricordi che la giunta citata è stata "sciolta" per contiguità alla 'ndrangheta. In tema di "fusione" crei un comitato NO e vada in mezzo alla gente. Buonanotte.
Citazione
-3 #2 Anna M. 2017-07-16 13:08
Ma che candore! Ma non era lei che difendeva il ricorso di gerace e capano? Avete avvelenato la citta impedendo alla gente di esprimere il voto poi chiama stucchevole il dibattito. Lei ci dica è contro o favorevole al ricorso del sindaco????
Citazione
+6 #1 Frank45 2017-07-16 10:57
Bravo. Ottimo argomento. Peccato però che hai parlato al passato. Perché non ti rivolgi a Geraci? Adesso lui è il Sindaco. Chiedilo a lui che fine ha fatto il PSA...
Citazione

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Eventi

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

 
 
 

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.