In uno degli ultimi comunicati stampa pubblicato (a spese dei contribuenti) recentemente dall’ottimo Esecutivo Geraci, e dal titolo “rendiconto 2016 in consiglio, mai stato così trasparente”, il Sindaco Geraci sembrerebbe essersi magistralmente immedesimato, evidentemente facendo buon uso del metodo Stanislavskij, nella figura del primo cittadino di Montecarlo dipingendo, a mò di Picasso, la solita situazione tutta “rose e fiori” nella quale si troverebbe la nostra Città,

 e che riesce a vedere solo lui e gli ultimi (in verità pochissimi) che gli sono rimasti ancora vicino, dimenticandosi, però, che lui il sindaco lo fa a Corigliano e non certo nel Principato di Monaco. Tanto più che la situazione è così “rosea” che la Prefettura ha pensato bene di inviare la Commissione d’accesso a Palazzo Garopoli, evidentemente a prendere appunti su come si gestisce eccellentemente una Città come Corigliano. A leggere il contenuto di tali comunicati non si può che prendere atto di come l’Amministrazione Geraci, evidentemente, sia convinta che i Coriglianesi siano necessariamente non in grado di leggere e, soprattutto, di interpretare gli atti amministrativi prodotti dallo stesso Esecutivo Geraci. Gli stessi atti amministrativi sui quali, e per intenderci, si è andata a posare la lente d’ingrandimento della Commissione d’accesso inviata dalla Prefettura al fine di accertare l’esistenza di eventuali infiltrazioni mafiose a Palazzo Garopoli. Eppure, dal comunicato stampa di Geraci, si evince la prossima approvazione di un bilancio consuntivo nientepopodimenoche “brillante” con “dati complessivi molto positivi che sanciscono definitivamente la fuoriuscita dell’Ente da una lunga e complessa fase critica dal punto di vista finanziario”. Manco fosse Marchionne a parlare agli azionisti della trimestrale della Ferrari. Tutto molto interessante. Se solo fosse vero. Poi, però, leggendo anche solo distrattamente i dati ufficiali pubblicati dalla stessa Amministrazione Geraci sul sito dell’Ente (e che devono essere pubblicati per forza come obbligo di Legge, per fortuna) si evincono numeri e fatti diametralmente opposti a quelli che Geraci & Compagnia vorrebbero “dare a bere” ai Coriglianesi come grappino postprandiale. Della enorme mole di debiti con le istituzioni finanziarie contratta da Geraci in 4 anni ho già detto ma, in questa sede, vorrei riepilogarli brevemente. Quando è arrivato Geraci, a giugno 2013, il Comune aveva più o meno 23 milioni di debiti. Ad oggi, quasi 4 anni dopo, il Comune ha almeno 40 milioni di debiti tra mutui, prestiti ed anticipazioni di liquidità. Molti di questi indebiteranno il Comune per i prossimi 30 anni. Ciò significa che le prossime 6 amministrazioni comunali, almeno fino al 2044, dovranno pagare anno per anno i debiti che ha fatto Geraci. E che il Comune con Geraci si sia indebitato fino al collo è ampiamente cristallizzato negli stessi bilanci consuntivi approvati dall’Amministrazione e pubblicati sull’albo pretorio.


Ma oltre ad essere sommerso da decine di milioni di euro di debiti per mutui ed anticipazioni di liquidità, con Geraci, il Comune sta dimostrando di essere anche un “cattivo pagatore” nei confronti delle ditte fornitrici private dell’Ente. E la cosa è di certo strana visto come Geraci si vanti in continuazione di avere “risanato” le casse comunali ed avere superato lo stato di dissesto (ma quando?). Il problema, di fatto, è che tutti i comunicati stampa in cui Geraci canta vittoria, strombazzando a spese nostre risultati mai raggiunti, non sono mai, e dico mai, accompagnati da nemmeno uno straccio di documento ufficiale che attesti e corrobori quello che afferma il sindaco (guarda caso). Oltre ai debiti con le istituzioni finanziarie, se date un’occhiata a questo documento ufficiale in formato excel (allegato 1) potrete capire anche quanto siano consistenti i debiti dell’Amministrazione Geraci anche nei confronti dei fornitori privati. A marzo 2017, l’Amministrazione Geraci doveva pagare quasi 30 milioni di euro di arretrati suddivisi in oltre 3300 determinazioni di impegno di spesa verso i diversi fornitori dell’Ente. Di questi, ben 7,9 milioni sono debiti relativi al solo anno 2016 i quali non sono stati pagati nell’anno precedente e quindi sono stati riportati all’anno successivo come residuo. Strano che non siano stati pagati nemmeno in parte nonostante l’avvenuto “risanamento” e viste le montagne di milioni di euro che Geraci dice di avere in cassa. Allora ci si chiede, in prima battuta, Geraci dove andrà a prendere tutti questi soldi per pagare le decine di milioni di euro di mutui e anticipazioni di liquidità e le decine di milioni di euro di debiti verso i fornitori privati? E’ molto probabile che finirà per fare altri debiti su debiti. Sempre che il Consiglio Comunale non venga sciolto prima. Che la situazione dei pagamenti del Comune sotto la guida Geraci sia un totale disastro è ben cristallizzata in quest’altro documento ufficiale pubblicato sul sito dell’ente (allegato 2). Potrete ben vedere come il tempo medio dei pagamenti nell’ultimo trimestre del 2016 abbia raggiunto e superato gli oltre 222 giorni di media ponderata. Tradotto in parole povere significa che il Comune guidato da Geraci sta pagando i fornitori mediamente a distanza di 7 mesi e mezzo. Semplicemente perché il Comune i soldi per pagare puntualmente le fatture non ce li ha. E se mai dovesse averceli, allora bisognerebbe chiedersi come mai pur avendo i soldi non liquida in tempo le ditte private. Delle due, l’una. E forse sono queste appena elencate le fattispecie alle quali si riferiscono nel comunicato quando parlano del Comune di Corigliano, addirittura, “come un riferimento esemplare su scala nazionale”. Evidentemente si riferiscono al fatto che il Comune di Corigliano è una delle rarissime Città su “scala nazionale” ad avere ricevuto la “visita di cortesia” di ben due Commissioni d’accesso consecutive inviate dalla Prefettura (la prima con Geraci Consigliere Comunale e la seconda con Geraci Sindaco), ad avere incrementato il debito del Comune del 70% in 4 anni, a pagare i fornitori a 7 mesi e mezzo eccetera, eccetera, eccetera, eccetera. Bene. Bravi. Bis. E’ del tutto evidente come la proiezione economico-finanziaria dell’Ente sia quanto mai indirizzata al dissesto. Così come è del tutto evidente come sia necessario, arrivati a questo punto, informare debitamente la Corte dei Conti Romana e la Sezione Catanzarese dei tali e tanti “eccellenti risultati” conseguiti dall’Amministrazione Geraci in questi 4 anni. 

Vedi allegati:

Debiti       Pagamenti

Dott. Enzo Claudio Gaspare SIINARDI


 

 


Eventi

Il Blog è anche su...

Sondaggio

Corigliano-Rossano FUSIONE?

 

che tempo che fa

giweather joomla module

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.