A distanza di cinque mesi siamo costretti a tornare sull’argomento dei corsi di formazione per il personale, perché la nostra amministrazione stenta a fare chiarezza su un rapporto, quello con la Fondazione TrasPArenza dei proff. Jorio e Caterini, che con il trascorrere del tempo proprio non ci convince. Nel giro di un anno la Fondazione TrasPArenza del prof. Iorio ha incassato 35 mila euro, con la giustificazione di effettuare i corsi di formazione per il personale comunale pari a 200 ore. 

Ebbene fino a luglio 2016, cioè a distanza di un anno dalla prima tranche di contributi, silenzio assoluto, corsi niente. Poi con la nostra denuncia il buon assessore Stellato in men che non si dica si è fatto garante con Iorio e Caterini perché mettessero su una sorta di conferenze sui temi più disparati, ma che a conti fatti di formazione, almeno fin qui, hanno avuto davvero poco. Ebbene da luglio ad oggi la Fondazione Trasparenza ha organizzato cinque corsi di formazione, per un totale di 25 ore, ne restano ancora da organizzare ben 175 ore. Ma quello che più ha dell’incredibile che con una delibera di Giunta del giugno 2015 la Giunta comunale faceva sapere che sarebbe stato approntato dalla Fondazione un calendario a breve, in modo da dare la possibilità ai vari responsabili di settore di informare i propri collaboratori al fine di farli partecipare per tempo ai corsi. Invece nulla di tutto ciò. Anzi, l’amministrazione ha consentito alla Fondazione di organizzare i corsi solo di martedì e per giunta in coincidenza con l’unico giorno di rientro settimanale e nell’orario di ricevimento del pubblico. Alla faccia del rispetto per i cittadini-utenti.

Insomma, sembrerebbe quasi che i 35.000 euro versati nelle casse della Fondazione siano serviti, più che per i suddetti corsi, per ricompensare la consulenza prestata dai professori per evitare il dissesto, e per la redazione di una “relazione di metà mandato” assolutamente fumosa e offensiva dell’intelligenza dei cittadini, che sembra uscita dal mondo dei sogni perché descrive Corigliano come una città pulita, ordinata, attenta al sociale, dove tutti i servizi funzionano alla perfezione.
Il nostro augurio è che questa tragicomica vicenda dei corsi per i dipendenti finisca al più presto, e che quantomeno le ore rimaste vengano svolte seriamente e in orari che non coincidano con l’apertura al pubblico degli uffici.
Francesco Sapia – Portavoce M5S in consiglio comunale.


Commenti   

+7 #2 Parliamone4 2016-12-28 07:31
Corso e Corsi delle Vie Principali delle Cittadine,ci Raccontano i Fatti ed i Misfatti della Società.La mia Preoccupazione sta nel fatto che questi Politici Presenti nella Casa Comunale non sono Capaci di Selezionare il Personale degli Uffici in base a Requisiti e Curriculum Personali.Queste Somme Erogate in Favore dei Professori non sono Somme Giustificabili nel Bilancio.
Noi Cittadini ci ritroveremo questo Importo nelle Future Tasse e Supertasse nel 2017.
...........................................................
Prima di Assumere del Personale:
Selezionare;Selezionare;Selezionare.
Citazione
+4 #1 IL PICCHIO 2016-12-27 15:30
Come gia detto circa due mesi fa, i corsi di formazione sono tutti delle sceneggiate e servono solo per pagare i docenti e per far lavorare qualche bar o ristorante nelle vicinanze....E' tutta una presa per i fondelli ma di formazione vera neanche l'ombra. E chi come me ne ha fatti tanti sia comunali, che aziendali ed universitari, sa benissimo di cosa parliamo.
Citazione

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Eventi

Il Blog è anche su...

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

che tempo che fa

giweather joomla module

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.