IV capitoletto - Il Milletrecento
Il 1300 è un periodo ingarbugliato per Corigliano. In esso succede un po’ di tutto, cose buone ed anche cose cattive. Il secolo si apre all’insegna di una rinnovata attenzione verso le opere di pubblico interesse.Già nel 1329 Ruggero Sangineto, Conte di  Corigliano, amplia in larghezza e in altezza la chiesa di S. Maria, portandola al livello dell’attuale piazza Cavour, cosa che le vale, d’ora in avanti, il titolo di Santa Maria della Piazza.

III capitoletto - Il Milleduecento
La regione, intanto, cambia padrone, per fortuna in maniera pacifica, per via d’un matrimonio, cosicché ai Normanni, nel 1190, succedono gli Svevi e questi, in genere tolleranti come i predecessori, accolgono gli Ebrei e ne mandano un bel numero a Corigliano. Qui gli Ebrei, presenti, dunque, agli inizi del 1200, si stabiliscono nella parte sottostante l’attuale via Addolorata, parte che da loro prende nome di Giudecca. 

Nota introduttiva dell’autore
Di “Storie” di Corigliano Calabro ne esistono tante. Alcune partono dalle origini della città ed arrivano al tempo dell’autore, altre ritraggono un’epoca, un aspetto o un personaggio. Tutte sono utili e tutte hanno un loro pregio. Nessuna è migliore delle altre ed insieme si completano. Come vuole la regola, sono ricche di notizie e di illustrazioni, di note bibliografiche e di appendici; in genere, hanno un buon numero di pagine.

II capitoletto - Il Mille e il Millecento
E, intanto? Intanto, il tempo scorre ed in Calabria alla dominazione bizantina subentra quella dei Normanni, tra il 1054 ed il 1060. Di Corigliano i Normanni fanno un loro punto di riferimento, tanto che nel 1073, Roberto il Guiscardo, loro Signore, ordina di costruire nella parte alta del paese un fortilizio, quello che, ampliato nei secoli in superficie e in altezza, è oggi il Castello. 

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.