L’EUROPARLAMENTARE A POCHE ORE DALL’ARRIVO IN CALABRIA PREANNUNZIA PROVVEDIMENTI A FAVORE DEI PRODUTTORI
L’Europarlamentare ed attuale Primo Vice Presidente della Commissione Europea per le politiche agricole On. Paolo De Castro sarà nei prossimi giorni in Calabria nell’ambito del convegno voluto ed organizzato dalla MASSERIA FORNARA di Sibari – affermata azienda operante nel comprensorio della Sibaritide- dal titolo Riso della piana di Sibarys ˝Ritorno al futuro„. L’importante e prestigioso EVENTO si terrà VENERDI’ 3 NOVEMBRE 2017, ORE 10.30, presso il Museo archeologico nazionale della Sibaritide.

L’Europarlamentare nel confermare la sua presenza al convegno preannunzia una serie di provvedimenti protesi a favorire i produttori che operano nel settore del riso, una cui parte vanta una netta affermazione nei mercati nazionali ed internazionali, proprio nella Piana di Sibari. 

«Rispetto alla proposta iniziale della commissione che mirava solo ad alcune modifiche all’attuale funzionamento della Pac (politica agricola comune)- afferma l’On. Paolo De Castro - l’intesa raggiunta durante il trilogo dello scorso 12 ottobre offre la prospettiva di una riforma di medio termine della Pac. Il Parlamento, infatti, non si è limitato a lavorare nello stretto recinto proposto dalla Commissione, ma ha confezionato una proposta di revisione vera e propria. Le misure contenute nell’accordo sulla parte agricola del Regolamento Omnibus mirano all’alleggerimento degli oneri burocratici per gli agricoltori, al rafforzamento della loro posizione negoziale a fronte delle altre parti della filiera e, infine, all’ampliamento del set di strumenti per la gestione del rischio. Per quanto concerne il greening, gli interventi puntano a razionalizzare un complesso apparato di impegni mantenendo intatta la valenza ambientale e collettiva dei pagamenti diretti. Il Parlamento ha lavorato soprattutto sulla diversificazione delle culture e sulle aree di interesse ecologico. Sul primo tema sono state apportate semplificazioni rilevanti per le colture sommerse (riso), per le quali si allentano i limiti originariamente imposti. Per le aziende che investono oltre il 75% della loro superficie a colture sommerse (riso), infatti, non si applicano più i limiti normalmente fissati per la diversificazione colturale e la seconda coltura può ricoprire fino al 75% della rimanente superficie aziendale».

Tali aspetti saranno approfonditi nel corso del convegno promosso da Masseria Fornara, alla presenza del presidente della Giunta regionale Mario Oliverio, e di altre autorevoli rappresentanti politico/istituzionali.

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Eventi

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

 
 
 

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.