Appello dell’Associazione “GeneraAzioni” al Comandante Levato
“Abbiamo accolto con estrema soddisfazione la notizia della recente nomina dell’avv. Arturo Antonio Levato a Comandante della Polizia Municipale della nostra città. Ritorna così al suo posto un professionista stimato, che ha dato modo negli anni addietro di dimostrare competenza e senso di abnegazione nel ruolo ricoperto. 

Ed è proprio facendo leva alla sua sensibilità che si muove questo appello, affinché possano essere debellate gravi problematiche che affliggono il territorio comunale”.

È quanto dichiara il presidente dell’Associazione socioculturale giovanile “GeneraAzioni”, Alfonso Falcone, nel chiedere che la Polizia Municipale sia impiegata per far fronte anche in merito a due incresciose situazioni locali. Un appello ampiamente condiviso da larghi strati della popolazione.
“Siamo ben consapevoli, come già ribadito in precedenti interventi a mezzo stampa, delle condizioni nelle quali si trovano ad operare i Vigili Urbani di Corigliano, ai quali va il nostro plauso per l’impegno profuso quotidianamente. Il territorio è vasto e articolato, i problemi sono numerosi, le richieste d’intervento tante e tra le più svariate. A tutto ciò occorre aggiungere il dato, per nulla secondario, che il Corpo di Polizia Municipale risulta essere sottodimensionato rispetto alle reali esigenze di una città di oltre 40mila abitanti. Tuttavia, cogliamo la notizia della nomina del nuovo Comandante – dichiara Falcone – per chiedere che i Vigili Urbani siano impiegati, oltre che per il consueto controllo del territorio in materia di sicurezza stradale e viabilità, anche per denunciare e intervenire sul deplorevole fenomeno, ormai sempre più in aumento, delle discariche a cielo aperto presenti in diverse zone del territorio a causa dell’inciviltà di alcuni cittadini nonché per vigilare sull’emergenza vandalismo in atto all’interno dei locali, da poco ristrutturati, della stazione ferroviaria, i cui lavori eseguiti dalle Ferrovie dello Stato rischiano di essere vanificati da gesti sconsiderati e vere e proprie scorribande. Anche perché il Comando della Polizia Municipale ha sede a soli pochi metri dai locali della stazione ferroviaria”.
“Sarebbe auspicabile, a nostro avviso, coinvolgere pertanto attivamente i Vigili Urbani anche su queste due situazioni, con l’ausilio delle Forze dell’Ordine, dell’Amministrazione Comunale e di quanti, come la nostra Associazione, si propongono di dare un contributo in modo spontaneo e disinteressato – prosegue Falcone – per arginare simili problematiche e ripristinare le più elementari condizioni di vivibilità nell’esclusivo interesse della cittadinanza. Siamo come sempre pronti a partecipare attivamente ad un tavolo operativo per decidere il da farsi”.

Corigliano Calabro, 12 gennaio 2018

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.