Schiavonea, scene che fanno male
Schiavonea, un territorio abbandonato. Segnalazioni a non finire, con foto dettagliate ed un'amarezza crescente tra i residenti. Spiaggia, villetta, quadrato, parco giochi, scenari avvilenti. Un elenco senza fine, con interventi quasi mai risolutori e tempestivi. Sulla spiaggia di Schiavonea vi è un casolare derelitto e sequestrato ormai da tempo, diventato a causa di anni di abbandono una pericolosa discarica a cielo aperto. 

Ci si imbatte, proprio a pochi metri da altri lidi, in tutta una serie di rifiuti. Materiale di risulta, ferraglia, preservativi, fazzolettini, e tra l'altro, possibilità di accedere liberamente alla scala che porta al tetto. Un pericolo non di poco conto, considerando che si è sulla spiaggia, un luogo che tra poco diventerà molto frequentato. Proprio di fronte ecco la villetta, con i soliti arcinoti problemi. Di seguito alle nostre segnalazioni la zona è stata circondata da un nastro bianco e rosso, durato tra l'altro poche ore e segnalata con un cartello “parco in manutenzione”. Troppo poco. Il parco oggi si presenta insicuro, sporco, in una parola, inidoneo ai bambini. Ad uno scivolo mancano tutti i gradini, numerosi sono i ferri sporgenti arrugginiti e le reti che dovrebbero delimitare l'area sono per lo più sfondate. Se questa è manutenzione allora è meglio lasciar perdere. Spostandosi di pochi metri, attraversando le reti sfondate e non riparate, eccoci nel classico ormai arcinoto dormitorio per senzatetto. Materassi sfondati, scarpe rotte, resti di cibo, escrementi, fornetti a gas. Attenzione, non siamo in una zona di periferia o nascosta, stiamo raccontando lo scenario in una zona adiacente alla villetta di Schiavonea, sul lungomare. Uno schiaffo alla civiltà, alla decenza, alla sicurezza dei cittadini. Come lasciar abbruttire un territorio che invece andrebbe valorizzato al meglio. Capitolo scritte sul Quadrato di Schiavonea. Orami, nonostante sms, cellulari, social di ogni genere, c'è chi utilizza i muri di Schiavonea, nelle zone più centrali per insultare e scrivere oscenità non riportabili. Gente incivile, fuor di dubbio questo, ma non intervenire per trovare i responsabili e non cancellare dopo mesi queste frasi oltraggiose è certamente un comportamento da censurare. Occorrerebbe più attenzione, in un territorio sempre più abbandonato a se stesso. Colpa dei cittadini incivili, ma che di chi dovrebbe controllare e rispristinare e non lo fa.

 

 


Commenti   

+7 #2 IL TRITATORE 2017-05-19 19:31
se' fosse solo schiavonea tutti a piedi al patire qui e' un far west ovunque vai
Citazione
+5 #1 Paperinuccio 2017-05-19 13:02
Egregio, leggo senza più provare nessuna partecipazione tanto è il disgusto, il dolore e l'amarezza accumulata negli anni e dopo tante, tante partecipate manifestazioni di contrarietà verso una Amministrazione completamente sorda, cieca ed avula verso e per i problemi dei cittadini e della città.
Ma si rende conto, dott. Monte che si sono spesi miliardi delle vecchi lire (...rende meglio l'idea) per un lungomare dove le aiuole si stanno impadronendo dei marciapiedi in quanto non confinati e delimitati da cordoletti. Ma si rende conto che le stesse aiuole sono state piantumate (...è un semplice modo di dire) con erbe e non con le specie arboree previste in capitolato, quindi nel progetto quindi regolarmente pagate anche se mai, dico mai realmente messe a dimora? Ma si rende conto della pista ciclabile già deteriorata in molti, moltissimi punti, quindi poco praticabile e poco consone al suo stesso fine? Non parlo del materiale il quale, senza una organica manutenzione sarà presto del tutto ammalorato, ma anche dell'orrendo imbatto che esso crea...con quelle doghe che sembrano quelle delle persiani avvolgibili degli anni settanta....Ma poi il marciapiedi a Fabrizio...lasciato con cemento perché, a dire dei progettisti, doveva rispecchiare il ditorno, quindi richiamare la sabbia (!!!). E le dune? Quegli ammassi di erbacce che ci hanno privato della visione del nostro mare??? Ed i lidi nati, in maniera innaturale, sulla spiaggia??? E gli alberi del lungomare!!! sono verdi sono quelli detti di "lingj j vrichj" gli altri sono stele rinsecchite che troneggiano come a segnalare la morte di un territorio. E le griglie della raccolta delle acque? la maggior parte sono quelle riutilizzate dal vecchio lungomare ma che, probabilmente, sono stati pagati come nuovi. E l'illuminazione? completamente al buio la zona delle pompe...già, le pompe? Ma possibile che nessuno si accorge che da loro fuoriesce liqyame anche nei periodi in cui non piove? Vuoi vedere che qualche refluo fognario in esse confluisce? Che dolore al cuore vedere così tante ferite. Un lungomare atteso da decenni. Finalmente viene finanziato per fare cosa? Un intervento che non ha arricchito certamente il territorio....ma che forse ha arricchito altri....
Puntualmente l'estate è alle porte e, al solito, vedremo arrivare la schiuma alle ore 11 presso i nostri lidi...si faranno le solite foto, si diranno le solite cose ma la schiuma, come i cadaveri portati dalle correnti per come cantato da De Andrè, ritornerà a ricordarci la nostra inettitudine e come siamo, oramai, assuefatti a tale marciume al punto di nemmeno più indignarci.
Scusatemi dello sfogo specie se poi leggo che il nostro Comune è stato premiato.
Citazione

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Eventi

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

 
 

 

che tempo che fa

giweather joomla module

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.