E’ ormai tristemente noto come una qualunque persona che possieda un pc, un tablet o anche un semplice smartphon possa svegliarsi una mattina, e mosso da sentimenti di gelosia, o solo per il semplice gusto di calunniare, senza avere prima avuto la minima decenza di approfondire al meglio l’argomento di cui trattasi, riempie una pagina di un blog locale sotto il titolo “Denunce”, per asserire una serie di cose di cui effettivamente non sa nulla. 


I titolari del Lido Tropix fanno sapere che procederanno contro l’autore dell’articolo con una querela per “DIFFAMAZIONE A MEZZO STAMPA”, per aver pubblicato una serie di informazioni non veritiere e calunniose che ledono l’immagine di una Impresa locale che con i soldi del proprio lavoro e con grande sforzo burocratico, cerca di realizzare un’opera che restituisca un po’ di lustro e decoro al nostro sciagurato territorio e che andrà ad offrire non solo servizi per un turismo di qualità, ma anche posti di lavoro per molti giovani e svago e divertimento per i Coriglianesi.Per quanto concerne il progetto, nel Maggio del 2015 si è aperta una regolare “Conferenza dei Servizi” finalizzata alla rimodulazione delle Concessioni Demaniali che avevano avuto interferenze con la realizzazione del progetto del Water-Front; l’iter progettuale e di approvazione si è concluso nel Novembre del 2016 con una regolare determina del Comune di Corigliano riportante l’approvazione da parte di tutti gli Enti coinvolti. Il progetto è stato redatto e verrà realizzato nel pieno rispetto di tutte le normative in materia di Demanio Pubblico, di amovibilità delle opere e di tutto quanto previsto e prescritto dalle Norme Tecniche di Attuazione del Piano Comunale di Spiaggia, nonché dal Regolamento Edilizio Speciale.La persona che ha scritto l’articolo sostiene che siano stati colati fiumi di cemento in piloni ormai sepolti chissà dove; sono stati in realtà gettati in opera plinti della dimensione di 1mx1mx1m, previsti dalla normativa in materia di “strutture amovibili” posati su di un telo in plastica che separa il calcestruzzo dalla sabbia così da evitarne la contaminazione. Tutti i plinti sono parzialmente fuori terra e quindi non sepolti chissà dove, ma perfettamente visibili, per cui nel momento in cui la struttura verrà smontata i plinti, costituendo un corpo unico a se stante, saranno caricati su un mezzo e portati via. Il resto della struttura è in acciaio completamente bullonata, le cui parti sono state assemblate in officina. Ciascun elemento è legato a quello vicino o soprastante mediante bullonatura, i bulloni sono tutti perfettamente visibili per cui sarà possibile montare e smontare questa struttura come un “LEGO”. I solai saranno realizzati interamente a secco con fogli di lamiera autoportante fissati alla struttura principale mediante bullonatura, sulla lamiera saranno poggiati pannelli in legno di multistrato fenolico marino, e sopra quest’ultimo verrà posata la pavimentazione.I tamponamenti esterni saranno realizzati in pareti leggere con strutture similari al cartongesso ma utilizzando materiali idonei all’ambiente esterno. L’intera struttura, cessata la validità della concessione, non diventerà patrimonio del Comune, come asserisce Mister X e che dovrà decidere cosa farne, ma verrà totalmente smontata e rimossa, ripristinando lo stato naturale dei luoghi e permettendo all’Impresa che l’ha realizzata di recuperarne ogni sua parte così come prevede la normativa.La parte della concessione posta all’esterno delle strutture sarà pavimentata con della betonella di formato 50x50 interamente posata a secco sulla sabbia, materiale vocato per eccellenza alla posa a secco e presente in quasi tutti gli stabilimenti ed i lidi del nostro litorale.Un’ultima osservazione circa la “colata di cemento” che sul lungomare avrebbe sostituito le doghe per permettere il passaggio dei mezzi pesanti; se l’autore dell’infamante e totalmente infondato articolo pubblicato ieri, con il solo fine di arrecare un danno all’immagine della nostra Impresa, fosse stato più attento, avrebbe notato che su tutta l’estensione del Water-Front, in corrispondenza delle concessioni di maggiore dimensione ed anche altrove, sono stati appositamente inseriti una serie di passaggi, sempre realizzati in Terra Stabilizzata”, non colate di cemento, prevista dal progetto Water-Front che dovrebbero consentire agli stabilimenti balneari di scaricare gli approvvigionamenti bar e ristorante, senza passare con i carrelli sulle doghe che potrebbero danneggiarsi.Date tutte queste spiegazioni, che comunque non eravamo tenuti a dare poiché rispettosi delle leggi e dei regolamenti, ci sentiamo profondamente rammaricati nell’avere, per l’ennesima volta, constatato che Corigliano è purtroppo un paese in cui lo sport preferito è calunniare e diffamare il prossimo senza neanche essersi presi la briga di studiare ed accertare la realtà dei fatti.Per chiunque altro desideri avere dei chiarimenti e delle delucidazioni circa il nostro progetto potrà tranquillamente rivolgersi a noi che non mancheremo di rispondere punto per punto alle vostre curiosità o perplessità. Troverete in allegato al presente articolo le fotografie che testimoniano la posa in opera della struttura così come ve la abbiamo adesso descritta e non come viaggia nella fantasia di una persona che evidentemente non ha la minima cognizione di tutto ciò che ha dichiarato nel suo articolo infamante e calunnioso.
Lido Tropix
 

 


Commenti   

-1 #4 Pimpozzi 2017-04-26 12:32
Gentilissimi proprietari del Lido Tropix, ben vengano iniziative imprenditoriali capaci di riqualificare il territorio, ma va considerato anche chi risiede in quella zona in estate (residenti e vacanzieri), dove il quieto vivere è la prima necessità, nonché parliamo di una zona non adatta, sia per morfologia che come infrastrutture ad ospitare megacostruzioni da serie televisiva.
Fabrizio Piccolo (e in particolar modo la zona adiacenti alle strutture Goccia e Tropix), è la zona più abbandonata dalle istituzioni: molte delle abitazione regolarmente ubicate, in pieno rispetto del pagamento di tutte le tasse comunali e regionali (comprese gli oneri di urbanizzazione pagate decine di anni fa), sono senza servizi fognari e tantomeno di acqua ad uso igienico potabile, e né di sistema di defluenza delle acque bianche (ogni pioggia rischia un nuovo alluvione) .
Nonostante ciò Fabrizio Piccolo è sede di grossi impianti balneari trasformate in discoteche all’aperto (il Vostro e quello del competitor praticamente occupano l’intera spiaggia) con le abitazione a meno di 5 metri, ovviamente senza il minimo rispetto delle ordinanze e normative in termini di quiete pubblica.
Detto ciò, sperando che le istituzioni facciano chiarezza, e che almeno si riesca a dormire in pace!
Citazione
+3 #3 residenteZona 2017-04-26 11:53
Abito nella zona del lido Tropix da anni e mi auguro vivamente che questa nuova struttura non abbia nulla a che fare con la vecchia. Sono 10 anni che le mie orecchie sentono "ci vorrebbe na zitella" a tutte le ore e al volume più assurdo. Da residente estiva mi auguro con tutto il cuore che vengano rispettate le ordinanze turistiche, perchè siamo tutti contenti se questo nuovo lido porterà lustro e turismo alla zona, ma allo stesso tempo che ci sia la giusta civiltà, nei confronti dei residenti, nella gestione di tale attività.
Citazione
+6 #2 Pura cattiveria 2017-04-23 14:50
Corigliano è cos:ì se non lo faccio io non lo deve fare nessun altro. Questo paese dovrebbe morire sempre uguale a se stesso.Però poi non guardiamo l'erba più verde dei paesi vicini
Citazione
+6 #1 Enzino74 2017-04-23 14:03
Esaustiva e rassicurante delucidazione! Speriamo di essere presto partecipi delle vostre serate che già negli anni passati sono sempre state molto belle
Citazione

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Eventi

Il Blog è anche su...

 

Sondaggio

Corigliano-Rossano FUSIONE?

 

che tempo che fa

giweather joomla module

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.