Ho appreso, con evidente stupore, della non meglio precisata defaillance che avrebbe “colpito” chi scrive, nell’allora sua qualità di “dirigente responsabile” del Settore VIGILANZA – POLIZIA LOCALE di Corigliano Calabro. Ma di quale fantomatica defaillance stiamo parlando? Provo ad immaginare. Non è che per caso ci si riferisce alla mia improvvisa ed illegittima rimozione dalla guida del Comando di Polizia Municipale avvenuta il primo luglio 2015, a distanza di quasi sei anni dal giorno in cui ne ho assunto formalmente la direzione quale Comandante di Polizia Municipale, vincitore di concorso pubblico?

La circostanza alla quale si fa riferimento assume un rilievo particolare se, come ho avuto modo di verificare, a fare ricorso a tale inopportuno ed ingiustificato francesismo è l’on.le dott. Giuseppe Geraci nella sua “RELAZIONE DI MEDIO TERMINE DEL SINDACO” presentata in adunanza pubblica il 14 settembre scorso, presso il Castello Ducale di Corigliano Calabro.

Ma di quale defaillance parla il signor Sindaco? A cosa intende riferirsi?

Allo stupore, poi, è seguita un’inevitabile sensazione di ripugnanza, prodotta da quanto riportato nella riferita RELAZIONE e qui testualmente ed integralmente trascritto:

VIGILANZA, POLIZIA LOCALECriticità/proposta. Quello della sicurezza pubblica costituisce il problema più diffusamente avvertito dalla collettività locale. Lo è in tutte le sue diverse forme: sociale, stradale, lavoro, territorio. Conseguentemente, DOPO LA DEFAILLANCE DEL DIRIGENTE RESPONSABILE TRASFERITOSI ALTROVE PER ALTRIMENTI INSUPERABILI MOTIVI FAMILIARI, SI È VENUTO A DETERMINARE UN «VUOTO DI COMANDO», cui si è data comunque una momentanea soluzione da dovere ricercare nella necessaria definitività, magari accedendo – previa acquisizione di un parere ad hoc presso l’ARAN – alle graduatorie concorsuali utili fintanto che valide. Ciò al fine di dare tempestiva soluzione ai rilevanti problemi di ordine pubblico e di sicurezza in ambito locale attraverso una meglio organizzata attività di polizia stradale, di prevenzione e repressione dei comportamenti illeciti ampiamente presenti sul territorio di competenza dell’ente. Nondimeno, allo scopo di sviluppare una azione di obiettivo contrasto all’abusivismo su aree pubbliche, ispettiva presso attività commerciali, nonché di controllo delle attività artigiane, commerciali, degli esercizi pubblici, dei mercati al minuto e all’ingrosso e dei comportamenti mercantili tenuti abusivamente in pubblico dagli immigrati in continua crescita sul territorio.” –

Sorvolando, ma non troppo, sulla (imbarazzante) confusione che emerge circa i concetti di “ORDINE PUBBLICO E DI SICUREZZA (…)” - richiamati nella già citata RELAZIONE - la confusione, per il vero, si amplifica quando si fa riferimento ad una “tempestiva soluzione ai rilevanti problemi di ordine pubblico (…)” da realizzarsi [secondo l’estensore della richiamata RELAZIONE DI MEDIO TERMINE DEL SINDACO]attraverso una meglio organizzata attività di polizia stradale, di prevenzione e repressione dei comportamenti illeciti ampiamente presenti sul territorio”. (!!!)

Al riguardo, benché preferisca evitare di commentare in modo articolato tale incongruo passaggio, non può non considerarsi un dato oggettivo rappresentato dalle risultanze dell’attività di polizia stradale, quantomai incisiva, visibile e coordinata, posta in azione dal Comando di Polizia Municipale di Corigliano Calabro nel corso dei miei 6 anni di direzione e comunque, ed in particolare, nel corso del biennio giugno 2013/giugno 2015. Attività sinteticamente riassunta con dati obiettivi ed inconfutabili, con numeri e cifre (oltre che con introiti di rilievo per le casse comunali), sempre e puntualmente rendicontata in forma scritta al signor Sindaco ed alla Giunta comunale. Ma su questo aspetto, ancorché sia auspicabile l’eventuale interessamento (in forma di accesso agli atti, evidentemente!) di consiglieri comunali attenti, preferisco rinviare ai Report attività 2013 – 2014 e (parzialmente per il) 2015 che, ad ogni modo, produco in allegato.

Sorvolo anche, turandomi il naso, sul preannunciato parere ad hoc che verrà ciceronescamente formulato all’ARAN, per chiarire (???) le modalità di copertura di quel fantomatico “VUOTO DI COMANDO” determinatosi con la mia (#grazie#aDio#nonterrena) dipartita!

Tutto quanto sopra doverosamente premesso, chiarisco il motivo che mi ha indotto a scrivere a codesta Redazione.

Come ho sopra testualmente riportato, pare che a sèguito della (misteriosa) defaillance, infatti, mi sarei trasferito “ALTROVE PER ALTRIMENTI INSUPERABILI MOTIVI FAMILIARI”, determinandosi, in tal guisa, un “VUOTO DI COMANDO”. Ora, che ci siano coloro che credono alle favole può andar bene, ma che il Sindaco della Città di Corigliano Calabro possa anche solo immaginare di poter manipolare la vicenda della mia rimozione da Comandante della Polizia Municipale non lo ritenevo possibile.

Veicolare un’informazione assolutamente falsa come questa, infatti, utilizzando un documento pubblico, facendo passare quello che è (stato) un atto deliberatamente vessatorio condotto contro la mia persona come un atto di trasferimento volontario per “ALTRIMENTI INSUPERABILI MOTIVI FAMILIARI” non può non definirsi grottesco.

 

Ma quali altrimenti insuperabili motivi familiari?

Ma di cosa stiamo, anzi, di cosa sta parlando il Sindaco Geraci?

Ma quale “VUOTO DI COMANDO”?

 

Certo, se dal proprio posto di lavoro si “CACCIA” qualcuno e lo si “CACCIA” aspettando, per farlo, il primo giorno utile di scadenza del decreto di responsabile di settore, ovvero il primo giorno utile dopo il 30/6/2015 [le ricorda qualcosa la declinazione del verbo cacciare, Signor Segretario Generale BELLUCCI???] è evidente che si crea un vuoto!!! In buona sostanza, parliamo dello stesso vuoto che si crea quando, in assenza di posti a sedere, per circostanze altrimenti insuperabili, si prende chi ne occupa uno legittimamente in quel momento e, a treno in corsa, lo si butta fuori dal finestrino per sedersi al suo posto!!! È di tutta evidenza che, subito dopo, quel posto sarà vuoto!!!

Quanto appreso dalla RELAZIONE DI MEDIO TERMINE DEL SINDACO è davvero così mortificante e mistificante al tempo stesso che quasi non si riescono a trovare le parole adatte!

Altro che trasferimento volontario!

Giova rammentare, infatti, che chi scrive, al fine di vedere riconosciute le proprie ragioni ed essere reintegrato nel proprio posto di lavoro con le mansioni di Comandante di Polizia Municipale, ha intrapreso a proprie spese (a differenza di chi lo ha fatto ricorrendo alle casse comunali) una procedura di ricorso in via d’urgenza nei confronti del Comune di Corigliano presso il Tribunale di Castrovillari Sez. Lavoro.

Richiamo sinteticamente la sentenza che, ad ogni modo, ha chiaramente sottolineato l’illegittimità dell’avvenuta rimozione (…) va puntualizzato che il ricorso sarebbe stato respinto esclusivamente per insussistenza del solo periculum in mora (…) incontestato che vi sia stata una variazione delle mansioni del ricorrente adottata nel corso del rapporto in essere, da comandante della polizia municipale a responsabile tributi.

(…) in realtà nel caso in esame, appare evidente la sussistenza originaria del fumus boni iuris (…). Nella particolare fattispecie in esame, appare di tutta evidenza come nella variazione delle mansioni del ricorrente, comportante il suo spostamento dall’area di vigilanza cui era stato destinato ab initio al settore tributi, vi sia stato un radicale travolgimento dei tratti connotativi della categoria D di appartenenza per come disciplinata dalla contrattazione collettiva. Nel nuovo profilo professionale di responsabile del settore tributi vengono a mancare, di fatto, in particolare, tutti gli aspetti caratterizzanti la figura professionale del comandante di polizia municipale e della categoria D di appartenenza, quali le relazioni organizzative interne, la funzione direttiva ed il coordinamento gestionale, risultando pacifico tra le parti che alcuna dotazione di personale oltre al ricorrente è stata destinata a quel settore di recente istituzione.”.

 

Ed allora, pur di non vedere mortificato il mio percorso professionale maturato, negli anni, nell’ambito della polizia municipale, e ritenendo assolutamente pretestuosa la mia assegnazione ad altro incarico, ho chiesto al Signor Sindaco di Barletta di poter ricoprire, in posizione di comando, il posto vacante di Vice Comandante del Corpo di Polizia Municipale della Città della Disfida. Di conseguenza, sono stato autorizzato dalla Giunta comunale di Corigliano Calabro ad assumere tale incarico presso la nuova sede di servizio, pur restando formalmente, ed a tutti gli effetti di legge, dipendente a tempo pieno ed indeterminato del Comune di Corigliano Calabro.

Tanto si doveva per amore esclusivo della verità!

Per le fattispecie penalmente rilevanti contenute nel documento pubblico “RELAZIONE DI MEDIO TERMINE DEL SINDACO” procederò, con ogni più ampia riserva, nelle sedi opportune e competenti.

 

Dott. Luigi GRECO – già Comandante della Polizia Municipale di Corigliano Calabro

 

Allegati: 07 documenti in PDF

  1. Relazione stato settore 2013

  2. Report attività 2013

  3. Riscontro nota sindaco 01/4/2015

  4. Report attività 2014

  5. Report parziale 2014 ordinanze OO.SS.

  6. IL QUOTIDIANO – articolo di stampa del 12/02/2015

  7. Scheda di analisi del settore_2013 


Commenti   

+4 #2 CICCILLUZZI 2016-12-28 14:49
Esimio Comandante, innanzitutto Le faccio pervenire la mia più sincera gratitudine e penso anche quella di tutti i Coriglianesi onesti che sono la maggioranza, per il lavoro svolto nel nostro paese, per i risultati ottenuti e per la disponibilità dimostrata in ogni occasione. Quando alla Sua famosa "CACCIATA" lo sanno anche i sassi il motivo. Speriamo in un Suo celere ritorno a Corigliano. BUONE FESTE
Citazione
+6 #1 Marino 2016-12-28 14:24
Grande "Comandante" gli effetti nel suo periodo svolto presso la città si sono visti e come, là sua rimozione dall'incarico fu dovuta a più di un motivo che lei e tutti sanno. Spero torni presto al suo posto, in quanto l'unico capace a dare un po' di ordine e a far rispettare le regole in quegli uffici e per la città!!
Citazione

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Eventi

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

 
 
 

 

che tempo che fa

giweather joomla module

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.