• Home
  • Cultura
  • Morte di un vecchio leone in gabbia (Restyling)

Morte di un vecchio leone in gabbia (Restyling)


Autunno del 1943.A Corigliano Calabro,dopo il transito delle armate alleate,si aveva ormai l'impressione che i rischi del conflitto si fossero del tutto evitati. La guerra era ormai lontana,attestata sulla linea Gustav di Montecassino. Tutto ormai scorreva liscio e l'approvvigionamento del pane (bianchissimo) era costante grazie al fattivo interessamento del comando alleato insediato nel castello.

 I partiti politici cominciavano a sgambettare con modalità, se non ottocentesche,da primi del 900. Solo il partito comunista aveva una sua strategia moderna che gli conferiva una furba aureola di lidership.
Intanto i vecchi antifascisti qualche sassolino volevano toglierselo,se no,che senso aveva che,dopo il 25 luglio del ‘43,i fascisti se la cavassero a così “buon mercato”,col semplice defilarsi e chiudersi nel mutismo per paura di “vendette” e rappresaglie che,in effetti,non ci furono, perchè Badoglio,almeno questo,riuscì ad evitarlo.
Qualcuno però soffiò all'orecchio del comandante alleato di tentativi di riorganizzazione del ...”partito fascista”,a Corigliano,con l'intento di creare una quinta colonna operante nel sud,in appoggio alla RSI.
Il comandante,giustamente preoccupato,si fece dare l'elenco dei vecchi gerarchi fascisti procedendo all'arresto cautelativo dei più in vista.
Erano:
-Vincenzo Fino,un vecchio avvocato canuto ed imponente, dalla folta criniera e dai grandi baffi,bianchi. Una figura dall’imponente aspetto giolittiano,con un passato di sindaco,democraticamente eletto in epoca non sospetta, quella prefascista, ininterrottamente,dal 1907 al 1919.
Cioè,per ben dodici anni,primo cittadino “a furor di popolo”. In seguito non fu mai Podestà (la cui nomina era prefettizia, non derivata da suffragio), preferendo che questo ruolo lo svolgesse il fratello Gaetano,riservandosi,quello sì,di fiancheggiatore,mettendo a disposizione la sua consolidata esperienza amministrativa. E fu,per vent'anni,riconosciuta autorità fascista,senza incarchi specifici;
-Suo nipote Giuseppe Fino,studente universitario che non aveva mai ricoperto incarichi politici.Solo l’iscrizione al FUAN come del resto tutti,indistintamente,gli studenti universitari;
-Giosuè Donadio segretario politico del PNF.Insegnante e grande invalido della 1ª guerra mondiale ;
-Michele De Gennaro,un ammassatore dei beni di consumo alimentare che doveva provvedere all’applicazione della legge che assegnava tutto il reparto alimentare al controllo di un organo destinato a reprimere severamente il mercato nero;
-Salvatore Salimbeni,innocuo,pacioso e benvoluto collocatore, dirigente dell’UFFICIO DI COLLOCAMENTO ;
-Il maggiore della MVSN,Giuseppe Curti,rispettato ed amato ufficiale,residente a Schiavonea,con moglie di Savona e tantissimi figli biondi,facilmente riconoscibili tra i brunetti di Schiavonea ;
Personaggi,tutti,ormai mortificati dai disastrosi eventi storici e desiderosi soltanto dell'oblio,per leccarsi le ferite.
Figurarsi se avevano voglia di arruolare “brigate nere”,con tanta voglia di pace,poi,che c'era in giro. Stranamente non fu coinvolta l’ultima massima autorità fascista di Corigliano,il Podestà Marcello Cimino.
Rinchiusi nel carcere di Corigliano,il giorno seguente furono trasferiti al carcere di Rossano.
La camionetta inglese non si recò a prelevarli,come prassi, alla porta del carcere,ma li aspettò alla periferia del centro abitato dove,scortati,arrivarono a piedi,ammanettati e,tutti insieme,legati per i polsi alla stessa catena,a mo’ di Rosario.
Cosicchè tutti (io avevo dieci anni) avemmo la possibilità di osservare quello spettacolo che,se nell'intenzione del regista, aveva lo scopo di umiliare l'orgoglio di quei personaggi,in effetti ne esaltò il dignitoso contegno,suscitando nell’animo della popolazione un irrefrenabile sentimento di sdegno per la maldestra messa in scena.
E quando salirono,uno alla volta,sulla camionetta,un fremito colse il pubblico nel vedere quel vecchio canuto che faticava nel montare sul cassone e veniva tirato,per la catena,da chi lo precedeva e spinto,alle terga,da chi lo seguiva,come si usava fare con le bestie,destinate al macello,quando le si faceva salire sul camion.
Di una cosa,comunque,tutti,indistintamenre,erano certi: quelle persone non avevano commesso alcun reato,nè remoto nè recente e nemmeno nelle intenzioni. Se qualcosa gli si poteva imputare era,forse,un eccesso di ostentata autorevolezza,ma mai,e poi mai,di autoritarismo.
E il “reato” di autorevolezza non è previsto in alcun codice. Dopo pochi giorni di inutile carcerazione,quel vecchio, come un leone in gabbia,non resse al mortificante strazio e.....morì.Di crepacuore,morì.
Quando la salma fu riportata a Corigliano,c’era ad attenderla quasi tutta la popolazione,chiusa in un muto, tragico,concorde silenzio.
Non un urlo di pianto o di rabbiosa imprecazione; Non un singhiozzo che superasse i limiti moderati dei grandi dolori che,proprio se tali,sono muti.
Non un lamento,al di sopra delle righe,delle numerose donne del popolo,rigorosamente in gramaglie.
Chi erano? Ma quelle poverette che subito dopo l’otto settembre,approfittando del bando del Commissario Prefettizio che invitava tutti coloro che detenevano beni di consumo alimentare,a metterlo subito disponibile nel mercato alimentare,bypassando gli obblighi di ammasso,se ne giovarono perché,Vincenzo Fino,unico tra i frantoiani di Corigliano,si mise personalmente a vendere il suo olio al bassissimo prezzo d’Ammasso.
Laddove gli altri frantoiani,tutti,indistintamente,allettati dalla speculazione,preferirono venderlo a grossisti realizzando,così,i favolosi prezzi del mercato nero. Infatti,a guerra finita,furono tutti sottoposti a processo.
E Vincenzo Fino non c’era più a riscuotere,almeno,un doveroso elogio in riconoscimento della sua onestà. E lo ricordo,seduto davanti alla porta del frantoio,nel rione Sant’Antonio,mentre “officiava” il meticoloso rito della misurazione di quel prezioso liquido,scambiare qualche parola scherzosa con ognuna di quelle donnine della lunghissima fila che,tra l’altro,gli avevano portato, da sempre,un devoto rispetto.
Ognuna di loro aveva una frase di ringraziamento:
-Don Vicè’,vuo’ fiuccar!
-Don Vicè’,vuo’ fiurir!
-Don Vice’,u Signur t’benedica !
Forse è per questo che quel tardo pomeriggio d’autunno sembrava che anche la natura fosse partecipe di quel dolore collettivo.
Non un fastidioso refolo di vento che scompigliasse le chiome o agitasse i neri scialli delle dolenti.
Non l'abbaiare d'un cane o il miagolio d'un gatto.
Nè voli d'uccelli fendevano,insolitamente,il cielo.
Tutto taceva e tutti tacevano,consapevoli di conferire solennità a quella drammatica cerimonia funebre.
Un agghiacciante silenzio di morte aleggiava sulla folla.
I parenti più stretti furono assorbiti,come miscelati,dalla straripante folla che,con loro,creò un tutt‘uno unificante ed indistinguibile.Tutti erano,ormai,parte dolente.
Non si ripetè lo stucchevole cerimoniale della stretta di mano nè dei commossi abbracci che avrebbero soltanto prolungato la sofferenza dei protagonisti di quel dolore.
E poi,ne sarebbe mancato il tempo ed anche le forza. Per la prima volta,nella vita,fui colto da un sentimento mai provato prima :...la commozione.

Ernesto Scura

Stampa Email

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna