A Marina di Schiavonea gli abitanti non vivono che di pesca , nella buona e nella cattiva stagione. Essi non hanno altra alternativa: pescare oppure emigrare. Quando arrivano i giorni di festa o i mesi estivi è d’obbligo pescare doppiamente: il pesce si vende di più e a caro prezzo. Era il 30 dicembre del 1974: il capodanno era alle porte ed i nuclei familiari dei Celi e dei Curatolo sognavano pesca abbondante e affari d’oro. I Celi avevano imbarcati sul loro peschereccio <l’Arcangelo Michele> i germani: Nicola , Francesco, Carlo, Rocco nonché due loro nipoti: Angelo e Luigi; tutti forti e nel fiore degli anni.

 Si erano imbarcati invece sul < Maria Ausiliatrice > i componenti della famiglia Curatolo : il capofamiglia Turi con i suoi quattro figli :Stefano, Marino , Antonio , Luciano , nonché i congiunti Giuseppe e Cosimo che si affacciavano da poco tempo alla vita marinara . Entrambi i pescherecci si erano tuffati nel mare nel tardo pomeriggio del 30 : le condizioni del mare erano buone e nulla faceva presagire un improvviso peggioramento del tempo. Ma i Celi ed i Curatolo avevano un brutto appuntamento col destino ; e , quando il mal destino si avvicina per il pescatore … allora anche il sole e la bonaccia si mettono improvvisamente da parte . Così quella notte maledetta !
I capi-peschereccio Turi e Francesco avevano lavorato per tutta la notte, dirigendosi verso un tratto di mare particolarmente pescoso . Le barche si erano ingravidate ed essi erano felici ed eccitati a vedere , sul fondo delle barche , tutto quell’argento vivo che saltellava di qua e di là . Quanta fatica per Cosimo ed Angelo quella notte nell’aiutare a tirare la rezza! Ma si mostravano fieri ed orgogliosi della fiducia che in essi riponevano Turi e Rocco . I quali , a vedere tutto quel bendidio , assaporavano la gioia del ritorno e del lauto guadagno con cui avrebbero trascorso felicemente le feste di Capodanno !
Ma erano Cosimo ed Angelo ad essere i più ansiosi nell’aspettare che sorgesse l’alba del nuovo giorno che li avrebbe visti sulla strada del ritorno . A dire il vero , nella tarda nottata , Turi e Rocco e Francesco si erano accorti che le condizioni del tempo e del mare andavano progressivamente cambiando . Ma non ci avevano dato peso più di tanto . A quante metamorfosi improvvise di tempo – del resto – avevano assistito durante le numerose traversate in mare !Ma ne erano sempre scampati , grazie alla Madonna della Neve : seppure con qualche patema d’animo .
Turi e Francesco , del resto , non erano gente che andava a cercarsi il pericolo col lumicino – come suol dirsi - : perciò avevano dato ordine alla piccola ciurma di aprire ai pescherecci la strada del ritorno . Il mare aveva perduto il colore e la tranquillità del giorno precedente e sembrava d’essere in preda ad una febbre e a un nervosismo che cominciavano a salire sempre più di tono . Si erano fatte le prime ore dell’alba ed il mare cominciava a farsi sempre più minaccioso con quel suo colore di neve sporca e fradicia e quel rumore cupo ed assordante di lupo ferito . Le ondate si abbattevano fragorosamente … contro i legni del “ Maria Ausiliatrice “ e de “ L’Arcangelo Michele “. Tanto che Turi diceva ai figli : “Madonna Santissima … ma queste onde fanno più paura che le bocche degli squali : sembrano che vogliano mangiarci ! “ Poi guardava il cielo che non prometteva nulla di buono : pieno di nubi scure e minacciose come facce spietate di briganti . Ed anche il mare s’era tutto coperto , con drappo uniforme , del colore del cielo ; e gli spasmi dell’acqua diventavano sempre più rumorosi . Rocco gridava ai suoi : “ Tenetevi forte, ragazzi , tenetevi forte ! Puntate dritto alla Marina !” E Turi gli faceva eco , a sua volta : “ Che Dio ci scansi e liberi pure questa volta ! “ Il vento intanto sibilava e urlava con suoni d’invisibili mostri marini e le ondate cominciavano a fare penzolare le due imbarcazioni ora di qua ora di là ,che sembravano sul punto d’inabissarsi . Di tanto in tanto , i cavalloni d’acqua le facevano rizzare su in alto e abbassarsi poi precipitosamente con fragore ;come se fossero diventate , all’improvviso , leggere come due carrube .
“ Maledetta tempesta ! - urlavano Nicola e Francesco – Ma chi ce l’ha fatto fare a prendere il largo proprio la vigilia di Capodanno ? “ Cosimo invece diceva a Turi : “ Ce la faremo ad arrivare sani e salvi alla Marina ? Chissà la mamma quanta pena si darà in questi momenti ! Certamente starà aspettando alla Madonnina ! ““ Lascia stare la mamma , ora, Cosimo – rispondeva Turi – prega piuttosto la Madonna della Neve o S. Francesco di Paola , perché ci stenda ,ancora una volta, il suo mantello ! “ Cosimo cominciò a piangere e a invocare la mamma come un bambino .Turi sentì un colpo al cuore … e ne sentì un altro allorché poté osservare le facce ceree dei suoi uomini ; sulle quali già si era stampata l’ombra grigia e sporca dello apocalittico mattino . I pescatori si guardavano l’un l’altro e con gli occhi parlavano… perché le bocche ormai restavano ammutolite .
I loro occhi puntavano fissi verso il lido della marina ; verso la statua della Madonnina dove certamente – pensavano -tutte le loro famiglie si trovavano già radunate , in attesa del loro ritorno . Francesco , Rocco e Turi – da esperti pescatori – intuivano , ognuno nel segreto della sua mente , che questa volta difficilmente l’avrebbero fatta franca .Tale loro convinzione inespressa si era propagata nell’animo di tutti i pescatori che ora erano ammutoliti più dei pesci che avevano ai piedi ; verso i quali manifestavano ora tacitamente un sentimento quasi di rancore .
Qualcuno muoveva inavvertitamente la testa ; quasi volesse dire : “ Ma chi ce lo ha fatto fare , chi ce lo ha fatto fare questo maledetto mestiere di pescatore ?! “ “ Eh chi ce lo ha fatto fare !...” – sembrava rispondere una voce confusa nel sibilo del vento - Il quale , impietosamente , cominciava ad aspirare tutto quello che gli veniva incontro , in un confuso mescolamento e turbinìo di elementi naturali e di legni sconnessi. I marinai si aggrappavano con tutte le loro forze ai legni delle loro imbarcazioni che cominciavano a crepitare e a vacillare ; e qualche speranza in loro si accese allorché videro , in lontananza , le luci illuminate della Madonnina e le loro case bianche che da lontano sembravano ali di gabbiani .
Il cielo era diventato nero come la fuliggine .Il mare veniva risucchiato in alto dalla tromba marina ed i pescherecci sembravano fuscelli intrappolati nel vortice del mulinello e non più governabili ; mentre le ondate che si schiantavano attorno e contro di essi vomitavano gli atroci spasimi del loro stato agonico ; e il mare faceva , soltanto a guardarlo , una paura spettrale . Non si udivano più le voci dei marinai che avvertivano come imminente l’estrema catastrofe ; sicuri di non potere più sfuggire ad una trappola mortale. Le voci erano certamente atroci e concitate ; ma si confondevano col vento e con le onde :
< S. Francesco miracoloso , salvaci la nostra vita ! Madonna della Neve , aiutaci : fallo per le nostre famiglie , per le nostre mamme ! > Turi certamente malediceva il cielo ed il mare che gli si erano dimostrati sempre amici e che ora invece stavano per voltargli le spalle … ed inghiottirsi i suoi quattro figli ed il nipote Giuseppe . Ed anche Francesco ormai disperava di potere portare in salvamento se stesso , i nipoti , ed i suoi fratelli : in quel caos infernale persino i Santi e la Madonna sembravano impotenti o non autorizzati ad operare un grande miracolo. “ Tira dritto, tira dritto ! “ – gridavano Turi e Rocco quando si accorsero di essere giunti in prossimità della spiaggia ed i contorni delle loro case si stagliavano sempre più netti . – Gli altri pescatori intanto e tutti i familiari si erano portati sulla spiaggia e seguivano , momento per momento , l’impari lotta che i marinai avevano ingaggiato con l’acqua ormai preda della tromba marina . Le donne avevano cominciato a recitare , con voce sommessa e disperata , le loro preghiere ed avevano continuato con la recita del Rosario alla Madonna di Pompei . “ Che Dio li salvi … che Dio li salvi , poveri figli !”- invocavano le vecchie donne e le mamme , avvolte nei loro scialli neri e quasi presaghe dell’imminente catastrofe ! – I marosi ed il vento mugghiavano come tori feriti che si dimenavano ,divincolandosi verso il cielo ; e poi ricadenti sulla superficie liquida con inaudita violenza e cupi boati . I due pescherecci stavano sempre più avvicinandosi verso la riva , sballottati dalle raffiche di vento e dalle onde-cavallone che venivano risucchiate in aria e , successivamente , venivano a schiantarsi fin oltre la battigia con rumore assordante ; quasi fossero carcasse di mostri marini . Nel mare tempestoso ora apparivano ora sparivano le sagome allucinanti dei pescherecci . Le urla di pietà e di disperazione dei marinai si mescolavano sempre più confusamente alle scudisciate sibilanti delle acque e delle raffiche di vento . Ad esse facevano eco le grida pietose delle madri e dei parenti dei Celi e dei Curatolo che , proprio sotto i loro occhi , vedevano consumarsi , istante per istante , l’immane tragedia . Un’ultima possente ondata , determinata dalla violenza del tornado ,fece colare a picco , in un baleno , il peschereccio < l’Arcangelo Michele > : ponendo fine così alla sua agonia . La carcassa dell’imbarcazione veniva scaraventata , poco dopo , da un’onda lunga sulla spiaggia ; quasi a testimoniare materialmente l’avvenuto sacrificio di tanta bella e forte gioventù . Anche i rottami del < Maria Ausiliatrice > furono scaraventati a riva da un’ondata successiva , senza che portassero tracce di resti umani . Ma un piccolo miracolo si verificò allora nel cielo :un improvviso spiraglio di luce balenò:facendo vedere un’onda altissima , alla quale era aggrappata una figura dai contorni umani . L’onda poi dall’alto si allungò precipitosamente verso la riva:schiantandosi e sciogliendosi sulla sabbia . “ Miracolo , miracolo ! > - gridarono uomini e donne e parenti dei pescatori dispersi … allorché videro sulla spiaggia , a pochi passi da loro , il corpo di Cosimo … disfatto , impaurito ma vivo . - Subito lo raccolsero , lo tempestarono di abbracci e di baci e lo trasportarono immediatamente al vicino Ospedale : aveva gli occhi stravolti , ma nella mente i segni evidenti della vissuta tragedia . I medici allontanarono tutti dal bianco lettino su cui Cosimo era stato adagiato :“ Lasciatelo riposare , lasciatelo riposare ! – dicevano – Almeno per un mese ; poici sarà tempo per ricordare …” La tragedia del < Maria Ausiliatrice > e de < L’Arcangelo Michele >destò profonda emozione e partecipazione in tutta la zona . I politici finalmentepresero coscienza che bisognava costruire un porto-rifugio per il grosso naviglio della Marina di Schiavonea. Il porto si fece e forse fu il grande miracolo che la Madonna e S. Francesco di Paola operarono in favore di quella popolazione di pescatori che nella pesca trova l’unico mezzo di sostentamento !

 di Antonio Siinardi
** dai miei libri GENTE DI PAESE/ GENTE DEL SUD  

 

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Eventi

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

 
 

 

che tempo che fa

giweather joomla module

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.