L’operazione “Comune accordo”, svolta ieri mattina all’alba nel Comune di Corigliano-Rossano dalla Guardia di Finanza, coordinata dalla Procura della Repubblica di Castrovillari, che ha portato all’emissione di 40 misure cautelari tra imprenditori, professionisti, funzionari comunali ed ex rappresentanti istituzionali, per turbativa d’asta ed appalti truccati, desta forte preoccupazione e sdegno.

Sul presunto affollato comitato d’affari che presiedeva l’intero sistema degli appalti pubblici nell’ex Comune di Corigliano Calabro, attraverso frode nelle pubbliche forniture, falso ideologico, abuso d’ufficio e corruzione, pendono svariate accuse il cui fine sarebbe stato quello di turbare sistematicamente tutte le gare indette dall’ex Comune nel settore dei lavori pubblici.

Dalle indagini emergerebbe, infatti, che una volta aggiudicata la gara, l’esecuzione dei lavori veniva affidata alle imprese del cartello costituito, attraverso subappalti non autorizzati, che fruttavano il 5% del valore dell’appalto mediante falsi servizi ed emissione di false fatture con, ovviamente, il mancato controllo e la vigilanza del soggetto pubblico.

Un quadro inquietante quello che emerge dal lavoro della Magistratura verso cui va tutto il nostro sostegno e la vicinanza. Occorre contrastare ogni forma di corruzione, ogni interesse illegale, e tutelare il lavoro perché dove c’è un reato in un appalto pubblico c’è sempre una violazione del diritto al lavoro. Per questo motivo, ove dovessero essere confermate le accuse in sede processuale, comunichiamo sin da ora che la CGIL si costituirà parte civile nel processo a tutela degli interessi della sua rappresentanza, del lavoro e del territorio.

Rivendichiamo, inoltre ed alla luce di quanto emerge, la coerente attuazione del Codice degli Appalti e ci opporremo fermamente contro ogni tentativo del Governo Nazionale di modificarlo in una maniera peggiorativa per come si deduce dalle anticipazioni sui cambiamenti al Testo Unico.

Lotta al malaffare, alla corruzione ed alle infiltrazioni mafiose, al lavoro nero, contrasto agli infortuni sul lavoro costituiscono la priorità del nostro agire quotidiano e saranno oggetto di una nostra prossima richiesta di incontro al nuovo Prefetto di Cosenza, D.ssa Galeone, al fine di costruire percorsi condivisi a tutela della legalità in ogni appalto pubblico nel territorio.

Castrovillari, 13/07/2018
     Giuseppe Guido Andrea Ferrone
             Segretario Generale Segretario Confederale
    Cgil Pollino Sibaritide Tirreno Cgil Pollino Sibaritide Tirreno

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.