Lunedì scorso la Corte di Appello di Catanzaro mi ha nuovamente assolto rigettando l’appello proposto dalla parte civile Ritrovato Salvatore, che è stato invece condannato a pagare le spese del procedimento. E’ il quarto verdetto assolutorio che la magistratura emette nei miei confronti.Quattro assoluzioni contro zero condanne.

Sono stato assolto dal tribunale di Rossano il 14 maggio 2012, dal tribunale di Cosenza il 18 aprile 2016, prosciolto dal tribunale di Catanzaro il 13 luglio 2016 ed infine dalla Corte di Appello di Catanzaro lo scorso 2 luglio.Tutte originate da querele sporte dal Ritrovato Salvatore nei miei confronti e solo per aver denunciato pubblicamente problemi di malasanità nell’interesse della collettività.Ringrazio l’avvocato Antonio Pucci per la professionalità con la quale mi ha difeso in queste vicende processuali che sono state per me un vero calvario giudiziario, specie perché sono sempre stato fermamente convinto che non è mai reato battersi per la collettività e per il sacrosanto diritto di tutti i cittadini ad una sanità che funzioni e che sia al servizio dei contribuenti.Il presidio ospedaliero di Corigliano rappresenterà sempre il vessillo che guiderà l’azione del movimento Centro Storico per non morire che continuerà a denunciare tutti gli abusi e gli illeciti da qualunque parte provengano.Nell’ultima vicenda giudicata dalla Corte di Appello di Catanzaro avevo denunciato che vi erano medici che erano assenti dall’ospedale di Corigliano per malattia ma che contemporaneamente prestavano servizio altrove. Avevo chiesto pubblicamente lumi sulle decisioni assunte dalla Azienda Sanitaria verso quei medici accusati di truffa nei confronti dell’azienda stessa. Avevo denunciato una serie di situazioni poco chiare al solo scopo di tutelare il glorioso ospedale Guido Compagna di Corigliano. Per questa mia incessante opera mi hanno costretto a subire processi con la accuse più varie: dalla diffamazione alla violazione di sistemi informatici!!! Per fortuna, però, la Giustizia esiste ed ha saputo dichiarare la mia sofferta innocenza.

 


Commenti   

+12 #2 devitenri 2018-07-08 15:40
10 , 100, 1000 Giorgio Luzzi occorrerebbero a Corigliano
Citazione
+12 #1 MV 2018-07-08 15:16
Bravo Giorgio,
Auguri.
Qualcuno pregustava la tua sconfitta, ma è rimasto deluso anche sta volta.
Hai avuto le palle di andare avanti, rimettendoci tempo e soldi (visto che com'è noto le spese legali si pagano in anticipo).
Però sei andato avanti e non hai cercato "di accomodare" per evitare lo scontro aperto con chi sulla carta è più potente di te.
Bravo Giorgio!
Ci vorrebbero più coriglianesi come te, con senso di giustizia e con la spina dorsale dritta, avremmo una città migliore.
Citazione

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.