Due di Corigliano Calabro, sette di Cassano Jonio e uno di Mandatoriccio. Sono i numeri del fenomeno degl’insegnanti di scuola pubblica con falso titolo secondo la Procura di Cosenza - e quindi senza alcun titolo per insegnare – smascherati ieri nella Sibaritide

nell’ambito d’una maxinchiesta LEGGI ARTICOLO COMPLETO


 

 

Commenti   

+2 #2 alessandro caputi 2017-11-10 08:53
La cosa più triste e schifosa è l 'aver usato il diploma di sostegno come trampolino di lancio nell'inserimento in graduatoria. Vergognatevi...Lucrare sulla pelle dei disabili !! Fate davvero ribrezzo.
Citazione
+4 #1 ANGELO VITERITTI 2017-11-09 21:14
Se i fatti addebitati trovassero conferme con sentenze di condanna ci troveremmo di fronte a una vera e propria cupola che sa bene infiltrarsi nella P.A e crea occupazione in tale maniera. Voglio sperare che tutti i coinvolti escano puliti da questa triste vicenda.Altrimenti bisogna assicurare alla giustizia i cosiddetti pesci grossi e non solo chi è costretto a mendicare, sia pure con metodi condannabili, un posto di lavoro, per poter sostentare la propria famiglia.
Citazione

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Eventi

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

 
 
 

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.