E’ ormai cosa nota che il comune di Corigliano, pur avendo a sua disposizione innumerevoli spazi che potrebbero essere messi a disposizione della comunità in quanto di proprietà comunale, preferisce che questi vengano lasciati inutilizzati oppure ceduti senza che poi trovino utilità sociale. 

E’ questo il caso del campetto di calcio “ex Cavallerizza”, concesso in uso gratuito alla Parrocchia SS. Pietro e Paolo nel marzo 2017. La concessione, della durata di due anni, prevede che tale spazio venga salvaguardato, custodito e valorizzato oltre che – come richiesto nella domanda di concessione avanzata dall’attuale concessionario del bene – utilizzato <<per le attività sportive dei ragazzi e dei bambini del Centro Storico cittadino>>. Ad oggi, però, il campetto risulta essere nelle stesse identiche condizioni di prima e chiaramente ancora non fruito da nessun bambino o ragazzo.
Da sempre Corigliano lamenta l’assenza di luoghi utilizzabili gratuitamente da bambini e ragazzi per lo svolgimento di attività sportive, ludiche e ricreative. Inutile ribadire ancora una volta l’importanza, sia dal punto di vista sociale che educativo, di luoghi comuni in cui poter praticare sport e gioco libero, perché si possa imparare fin da piccoli la condivisione, l’importanza ed il rispetto dei luoghi pubblici e di aggregazione e si eviti di trovare alternative pericolose come il gioco in strade certamente non destinate ai giochi dei più piccoli o ad una partita di pallone. Ciononostante, mai la macchina comunale si è attivata in questa direzione, pur non mancando all’Ente l’opportunità di destinare spazi come quello dell’ “ex Cavallerizza” all’intera comunità, preferendo invece affidarli a privati - evidentemente per sollevarsi dall’onere della gestione - che non provvedono né alla manutenzione né fanno in modo che possano essere utilizzati. Oltre a questo, i beni, una volta ceduti, non sono interessati a nessun tipo di controllo da parte del Comune, per cui rimangono in situazioni di stallo ed in balia di un inesorabile deterioramento.
Situazioni come questa ledono i cittadini e quei figli che mettono in pericolo la loro incolumità ogni volta che sono costretti a giocare in strada. PROPONIAMO che spazi come il campetto di calcio “ex Cavallerizza” vengano affidati con la medesima formula di cessione temporanea cui sono già interessati, in maniera più proficua ad associazioni (magari giovanili), o ancor meglio a gruppi di quartiere o a chiunque altro voglia farsene carico e possa rendere il bene utilizzabile ed utilizzato. Si ponga prontamente fine a questa ulteriore mancanza e a leggerezze tali da risultare difficilmente associabili a figure che dovrebbero provvedere ad una intera città. Non si faccia ancora gravare sui cittadini il peso della mancanza di competenza ed organizzazione e si restituiscano a questi i diritti da troppo negati.

Gianfranco Costa - #MotivAzioneComune
Isabella Castagna - #MotivAzioneComune
Alberto Gabriele - #MotivAzioneComune
Carlo D'Agostino - #MotivAzioneComune
Francesco Dani - #MotivAzioneComune
Mattia Ritacco - #MotivAzioneComune
William Guzzardo - #MotivAzioneComune 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.