ROMA – Certificato di adozione pianta n. 36 (ispirato all’anno di nascita del popolare attore, 1936) recante la data del 21 settembre 2017 (giorno dell’inaugurazione dell’Orecchietteria che porta il suo nome, in una delle zone centrali della Capitale). Questi i tratti distintivi della simbolica “adozione” delle prelibate e salutari clementine di Corigliano Calabro, vera e propria eccellenza del territorio, ad opera di uno dei personaggi del mondo della cinema e della televisione più amati dal grande pubblico: Lino BANFI.

Il protagonista di tante commedie all’italiana, ormai conosciuto come “Nonno Libero” grazie alla fortunata serie di Rai1 “Un medico in famiglia”, da sempre generoso e sensibile e apprezzato per la sua spiccata umanità, ha infatti ricevuto nelle ultime ore un cospicuo quantitativo del gustoso frutto della Piana di Sibari. L’attore è stato infatti omaggiato di tale “adozione” da parte del giornalista coriglianese Fabio PISTOIA che ha contattato personalmente la famiglia Banfi e illustrato la bontà dell’iniziativa, come testimoniato dal certificato d’adozione e dall’attestato omaggio che il grande Lino mostra nella foto in allegato. Il tutto realizzato nell’ambito di “Adottaunclementino”, l’autentica novità nel settore agrumicolo locale e nazionale ideata dal brillante imprenditore cittadino Aldo SALATINO, titolare dell’Azienda Perseverantia.
Lino Banfi e i figli Walter e Rosanna hanno immediatamente recepito il carattere innovativo e originale di tale iniziativa, che permette a chiunque di ricevere al proprio domicilio, alla modica spesa di cinquanta euro e senza alcun costo aggiuntivo, circa trenta chilogrammi di clementine, adottando una pianta del frutto profumato e dalle tante proprietà e seguendone passo dopo passo, attraverso lo strumento della geolocalizzazione, il percorso di maturazione. Iniziativa che, oltre a consentire anche a coloro che risiedono a migliaia di chilometri di distanza di vedersi consegnate le clementine, tutte al naturale e prive di alcun trattamento, contribuisce fattivamente ad una giusta causa: per ogni adozione viene infatti devoluta una piccola parte all’AIRC – Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro.
Lino Banfi, che con la sua famiglia ha molto gradito tale dono e ha definito “buonissime” le clementine, è il primo di una serie di personaggi del mondo dello spettacolo, dello sport e della televisione che ha aderito simbolicamente ad “Adottaunclementino”, attribuendo così ulteriore valore all’iniziativa e al suo patron Aldo Salatino e rendendo il tributo che merita al frutto che del territorio di Corigliano, della Sibaritide e della Calabria intera ne è l’incontrastato simbolo.

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Eventi

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

 
 
 

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.