Geraci: si chiude anno di celebrazioni. Sabato 22, ore 17, contrada Prastìa
VI Centenario dalla nascita di San Francesco di Paola, a conclusione del Giubileo dedicato al Patrono SABATO 22 APRILE, verrà scoperta una stele posta nel Bosco dell’Acqua, in contrada Prastìa come segno di devozione e amore verso il Santo al quale la comunità riconosce il miracolo dell’acqua compiuto durante la sua permanenza a Corigliano (1476-1478). 

A darne notizia è il Sindaco Giuseppe GERACI ricordando che con l’evento di sabato prossimo si darà inizio ai solenni festeggiamenti patronali del 2017 e si chiuderà un anno ricco di celebrazioni dedicate al Patrono. La stele marmorea realizzata a nome dell’Ordine dei Minimi e della Città da Padre Giovanni COZZOLINO, Parroco del Santuario, offerta in memoria dei genitori, va ad aggiungersi infatti alle due targhe già scoperta al Ponte Canale con sopra incise le due lettere che San Francesco scrisse da TOURS ai principi Sanseverino per il popolo coriglianese nel 1483 e nel 1486. Grazie a San Francesco Corigliano poté avere, per sempre, la prima condotta idrica e la parte opposta della Città poté goderne attraverso la costruzione del Ponte Canale che permise di portare il prezioso liquido nella zona del Castello Ducale. “…Un dì si pose in viaggio verso colà. E pervenuto sulla cima alla montagna, alla vista dell’acqua la benedisse, e di poi gli comandò nel nome di Gesù che il seguitasse. Udito dal sordo ruscello tal ordine, abbandonò il corso naturale, fe gli diede obbediente, seguace per la traccia che le additava col suo bastone…”. Così Padre Isidoro TOSCANO racconta il miracolo. Alle ORE 17, l’Amministrazione Comunale e la Comunità dei Minimi di Corigliano Calabro, alla presenza delle autorità civili, procederanno alla scopertura della stele che commemorerà il miracolo dell’acqua fatto da San Francesco quando i costruttori del suo Santuario erano in difficoltà per mancanza d’acqua. Oltre a celebrare il VI Centenario dalla nascita del Patrono, il 2016 è stato anche l’anno di alcuni eventi giubilari propri della Città: il 540° anniversario dell’arrivo a Corigliano del Santo che vi soggiornò due anni, fondò la Quarta Casa e operò prodigi; il 180° della elevazione a Patrono dopo i tremendi eventi sismici del 25 aprile 1836 ed il 40° anniversario dei restauri apportati al Romitorio di “Sambrancischiellj”, dimora prescelta dall’Uomo di Dio in Città. Con l’evento di SABATO 22 APRILE si concluderanno i festeggiamenti iniziati lo scorso anno con l’intitolazione dell’arteria che collega Piazza del Popolo al Santuario a SAN FRANCESCO DI PAOLA E DEI MINIMI; la riaccensione da parte del Sindaco della Lampada Votiva che arde sul Sacro Sasso utilizzato come guanciale ed il Consiglio Comunale (il 25 aprile 2016) che ha confermato l’atto deliberativo emanato il 28 aprile 1836 dal Decurionato sotto la presidenza dell’allora Sindaco Domenico SOLAZZI CASTRIOTA. 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o RAZZISTI non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

Eventi

Il Blog è anche su...

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

 
 

 

che tempo che fa

giweather joomla module

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.